Janas
pil
pil

Confcommercio: il Pil prodotto al Sud diminuito al 22%.

In 25 anni ‘scomparso’ in Meridione un milione e mezzo giovani. Il Pil prodotto al Sud diminuito al 22%. Ridotta la popolazione giovane residente.

Economia del Mezzogiorno sempre con il freno a mano tirato: lo afferma una ricerca dell’Ufficio studi di Confcommercio, secondo la quale negli ultimi venticinque anni la quota di Pil prodotta dal Sud sul totale nazionale è diminuita; passando da oltre il 24% del 1995 al 22% del 2019; con un livello di occupazione che ha evidenziato una crescita cumulata pari ad appena un quarto della media nazionale (4,1% contro il 16,4%).

Un fenomeno, quest’ultimo, che sconta prevalentemente gli effetti della riduzione della popolazione residente; in particolare quella giovanile, che al Sud si è ridotta di oltre 1,5 milioni nel periodo considerato.

Tra le principali cause di questa disparità, secondo l’Ufficio studi di Confcommercio “difetti strutturali come burocrazia, criminalità e carenze infrastrutturali”. Se tali difetti “fossero ridotti in modo tale da portarne le dotazioni ai livelli osservati nelle migliori regioni italiane; il prodotto lordo meridionale crescerebbe a fine periodo di oltre il 20%, con la ‘creazione’ di circa 90 miliardi di euro, rispetto ad uno scenario in assenza di interventi”, afferma la ricerca.

Ma le differenze nel frattempo aumentano, almeno a partire dalla crisi finanziaria globale del 2008: il rapporto tra prodotto pro capite reale di un abitante del Sud rispetto a quello di un abitante del Nord-ovest scende da 0,55 (55%) a 0,52.

Insomma, poco più della metà, con tendenza a peggiorare. In termini di popolazione, il peso del Sud sul totale italiano passa dal 36,4% al 33,9% ma è ben più grave la questione della popolazione giovanile: tra il 1995 e il 2019 l’Italia nel complesso perde oltre un milione di giovani (da poco più di 11 milioni a poco più di 10 milioni) e tutta questa perdita è dovuta ai giovani meridionali, che diminuiscono di un milione e mezzo. 

About Camilla Bruno

Camilla Bruno
Nel 2014 mi sono diplomata in flauto traverso al Conservatorio, attualmente frequento la facoltà di Beni Culturali e Spettacolo, e dal 2018 insegno musica privatamente. Sono appassionata di cinema di musica e di arte. Oltre all’esperienza nella gestione social di realtà come il Cineclub FEDIC di Cagliari, negli ultimi anni ho approfondito i miei studi nel campo degli audiovisivi e del mercato dell’arte. Attualmente sono l'amministratrice del progetto di art management Visual Scout.

Controlla anche

accesso al credito giovani agricoltori

L’accesso al credito in agricoltura ai giovani sardi

L’accesso al credito è uno degli argomenti centrali nella vita di una impresa. A maggior …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *