Janas
Cpp
Cpp

Sistemi intelligenti: in grado di interagire con l’ambiente

Il Titolo del progetto è: PROSSIMO – PROgettazione, Sviluppo e ottimizzazione di Sistemi Intelligenti MultiOggetto 

I dispositivi moderni

L’applicazione di moderni dispositivi costituiti da sensori o attuatori intelligenti come sistemi di smart camera e sensori distribuiti; permette di realizzare reti di sistemi interconnessi che interagiscono con il mondo reale, sfruttando la loro intrinseca capacità di fusione delle informazioni. Si parla quindi di Cyber Physical Systems (CPS): sistemi informatici in grado di interagire con l’ambiente in cui operano. 

I CPS

I CPS trovano piena contestualizzazione nel campo dell’Internet degli oggetti (Internet of Things, IoT); dove degli oggetti acquisiscono intelligenza grazie all’accesso ed all’interscambio di dati con altri oggetti. Allo stato attuale non esiste uno standard per la produzione di (reti di) CPS. L’obiettivo del progetto cluster PROSSIMO è il trasferimento di tecniche avanzate per la progettazione e l’implementazione di CPS tramite l’introduzione, la sperimentazione e il trasferimento di metodi e strumenti software innovativi, in modo da ridurre il time to market attraverso una rapida prototipazione di sistemi corretti per costruzione già al termine della fase di progettazione.

PROSSIMO

Nel corso del progetto si rivolgerà particolare attenzione a metodologie di carattere generale e trasversale rispetto agli ambiti di utilizzo per la progettazione integrata delle architetture hardware e software, la modellazione per la sintesi e l’analisi (semi) automatica ed il testing. PROSSIMO porterà dei risultati sia sul versante scientifico/tecnologic, sia sul versante riguardante il trasferimento e la formazione.Inoltre il gruppo di imprese coinvolte è costituito da PMI operanti nel settore ICT, con l’obiettivo comune di estendere la propria capacità innovativa nelle tematiche riguardanti il progetto. Le imprese coinvolte includono in particolare potenziali technology provider e utilizzatori.

Sassari e il progetto

Nell’università di Sassari l’applicazione di moderni dispositivi costituiti da sensori o attuatori intelligenti, come sistemi di smart camera e sensori distribuiti, permette di realizzare reti di sistemi interconnessi che interagiscono con il mondo reale, sfruttando la loro intrinseca capacità di fusione delle informazioni. Si parla quindi di Cyber Physical Systems (CPS): sistemi informatici in grado di interagire con l’ambiente in cui operano. 

La produzione di (reti di) CPS

Allo stato attuale non esiste uno standard per la produzione di (reti di) CPS. L’obiettivo del progetto è il trasferimento di tecniche avanzate per la progettazione e l’implementazione di CPS tramite l’introduzione, la sperimentazione e il trasferimento di metodi e strumenti software innovativi, in modo da ridurre il time to market attraverso una rapida prototipazione di sistemi “corretti per costruzione” già al termine della fase di progettazione. 

About Maria Francesca Canu

Maria Francesca Canu
Mi chiamo Maria Francesca Canu, ho vent'anni e frequento il terzo anno del corso di scienze della comunicazione a Cagliari Sono nata Nuoro, ma vivo a Cagliari, una città che amo. Mi piace leggere e adoro le materie umanistiche, amo viaggiare. Nel tempo libero mi dedico all'equitazione, una passione nata fin da piccola. Il mio moto è "tu sei il tuo unico limite"

Controlla anche

Nasce “Save the green”, il progetto per riciclare meglio

L’azienda Domopak Spazzy, attiva nella produzione di sacchi da plastica riciclata da post-consumo, ha lanciato il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *