Janas
food 2757968 1920 1 1
food 2757968 1920 1 1

La bottarga più costosa d’Italia è sarda

In Sardegna la regina mondiale delle bottarghe artigianali costa 12 diamanti, era disponibile nell’e-commerce sardo della Cooperativa Pescatori Tortolì


Lo chiamano l’oro del mare e si dice fosse portato come dono a Principi e Re.
Gli amanti delle prelibatezze di mare ne vanno ghiotti e la paragonano alle uova di storione imperiale, ma vediamo cos’è la bottarga.
Si tratta di un prodotto gourmet derivato dalla lavorazione delle uova di alcuni pesci come Tonno o Cefalo.
I procedimenti di preparazione sono talmente antichi che si dice risalgano a prima dell’Impero romano e dei Fenici, e che arrivino addirittura dall’Egitto, dove sono stati ritrovati dei geroglifici raffiguranti proprio questo processo di trasformazione.

Le origini


Le sue tracce, vengono ritrovate nelle tradizioni di quei popoli che hanno sempre avuto un profondo e intimo rapporto con il mare. La possiamo assaporare nella cucina Spagnola, Araba, Portoghese, Greca e, ovviamente, Italiana.
È proprio nei ricettari di queste civiltà che la si descrive con “di una consistenza liscia dal gusto setoso”, “di un pungente amarognolo che sfuma in un morbido e avvolgente sapore quasi dolciastro”.

Ma per ottenere il risultato descritto sopra non basta una materia prima di eccellente qualità.
È necessario padroneggiare l’arte della salatura e stagionatura delle uova di pesce.

Come è facile immaginare, nel mercato nazionale ed internazionale, sono presenti molteplici qualità del prodotto di cui stiamo parlando, e si differenziano sia per provenienza geografica della sacca ovarica del muggine, sia per processo produttivo.

Proprio quest’ultimo infatti è in grado di modificare il sapore della bottarga finita.
Se una produzione industriale predilige l’essiccazione forzata e la pressatura per standardizzare il prodotto, la lavorazione manuale artigianale segue rigorosa i segreti della tradizione.

L’utilizzo di sali integrali, il processo di lavaggio in acqua di mare, e la conservazione naturale senza cere o conservanti, permette non solo di preservare il gusto, ma soprattutto di esaltare le particolarità del pesce stesso.
A tal riguardo è del 2017 lo scandalo accaduto ad Oristano in cui delle bottarghe africane erano vendute come sarde, ma è davvero uno scandalo?

Quello che il consumatore ignora è che gli amanti dell’oro del mare sono in costante aumento e la domanda di prodotto continua a salire.

Oggi il 95% della materia prima proviene da paesi come Brasile, Mauritania, Giappone, Nuova Zelanda ed è quindi normale che sulla nostra tavola ci siano prodotti lavorati in Italia, ma allevati o pescati dove la disponibilità è alta.
Non dobbiamo stupirci se troviamo buoni prodotti lavorati in Italia, ma pescati lontani da casa nostra.
Questo ci porta a parlare della materia prima.

Il segreto

Di come sia il segreto della migliore bottarga di alta qualità, poiché è l’elemento cruciale per raggiungere il massimo livello di perfezione, consistenza, colore, profumo e gusto.
Si consiglia di evitare un prodotto che ha come origine di pesca la zona FAO 27, 61,67,71 a causa dell’elevato inquinamento del mare.
Diversamente i palati più raffinati ed esigenti possono trovare le migliori bottarghe artigianali del mondo nella zona FAO 37.1.3, ossia Mare Mediterraneo attorno alla Sardegna.
Attualmente è proprio il panorama artigianale sardo a produrre e commercializzare le migliori bottarghe di muggine in commercio.
Ma attenzione, perché se lo scettro se lo competono da sempre Oristano e Tortolì (NU), è vero che la bottarga più grande e costosa, è della Cooperativa Pescatori Tortolì.


Una baffa di Bottarga Selvatica d’Ogliastra.

Un lingotto PREMIUM dall’eccezionale peso di 1,124 Kg, pescato e lavorato a mani nude. Salato con sale integrale sardo, lavato con acqua di mare e lasciato a riposare per settimane al buio in una stanza con temperatura controllata.
Il prezzo eccezionale scontato per questo esemplare unico al mondo era di 500€, quanto un anello con diamanti.
Fortunato sarà chi potrà assaggiarne la bontà presso il Chiosco sul mare.

Gestito dalla Cooperativa che ha incredibilmente deciso di toglierlo dal commercio per farlo gustare ai suoi affezionati clienti dell’Estate 2021.
Le parole di Luca Cacciatori, Presidente della Cooperativa che dal 1300 custodisce il segreto della preparazione di queste prelibatezze;

“Ci è sembrato un bel gesto quello di utilizzarla per chi ci ha sempre dimostrato grande affetto. Non tutti possono dire di aver assaporato la bottarga più costosa del mondo, noi vogliamo fare loro questo regalo”.


Saremo anche noi fra i fortunati a poter assaggiare un piatto di spaghetti del Conte di Quirra, preparato con la Bottarga più costosa del Mondo? Speriamo di sì.

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Paola Usai

Paola Usai
Studio Beni Culturali all'Università di Cagliari. Sono sarda, ma attualmente vivo a Bolzano dove lavoro come au pair.

Controlla anche

Basket San Salvatore Foto squadra

Basket: Sabato 24 la Techfind contro il CUS

Dopo la dolorosa sconfitta sul filo di lana contro San Giovanni Valdarno, le giallonere della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *