Janas
media education scuola film
GettyImages 1178074654

Media education al cinema: giocare con le immagini in movimento

Le attività di media education si pongono l’ambizioso obiettivo di supportare gli studenti nell’acquisizione di competenze di lettura, analisi e scrittura dei testi mediatici

Il webinar “Media education al cinema. Giocare con le immagini in movimento“, avrà luogo martedì 30 marzo. Presenterà alcuni semplici proposte media educative finalizzate a stimolare negli studenti. Il tutto attraverso un approccio ludico, le capacità di analisi e manipolazione di alcuni elementi del linguaggio filmico.

Le proposte didattiche individuate sono modulabili ed adattabili, in modo da poter coinvolgere gli allievi a partire dalla scuola dell’infanzia. L’incontro rientra nelle proposte dell’iniziativa Indire “La scuola allo schermo” ed è rivolto ai docenti di ogni ordine e grado. Conducono il webinar, Alessia Rosa, ricercatrice Indire e la regista e docente Elisabetta Betty l’Innocente.

La Scuola allo schermo è infatti una raccolta di risorse audiovisive rivolta ai docenti, ai dirigenti scolastici, a chi studia, fa ricerca o formazione nei contesti educativi propri delle piccole scuole; più ampiamente, a chiunque nel mondo della scuola voglia approfondire, mediante le fonti audiovisive, temi sociali, culturali ed economici. Un repertorio ragionato di film, documentari, cortometraggi, interviste e altri materiali di finzione, per un viaggio tra le culture educative, i metodi e gli strumenti didattici, le innovazioni, il rapporto con i territori e con la società in Italia e non solo.

Ogni fonte filmica individuata è accompagnata da una sinossi del film e da una presentazione del regista al fine di renderla, insieme alle proposte didattiche suggerite, una risorsa  educativa, in particolare  per il primo ciclo, creando un terzo spazio virtuale per una scuola aperta e diffusa.

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Giulia D'Agostino

Giulia D'Agostino
Amante dei libri e delle serie tv. Appassionata di arte. Cresciuta a pane e Fabrizio de Andrè.

Controlla anche

Conoscer-si: il progetto che attraverso l’arte combatte il disagio giovanile.

Il progetto conoscer-si è triennale ed è stato finanziato dalla Fondazione di Sardegna, in collaborazione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *