Janas
cap
cap

Sostenibilità, il Rab biopiattaforma diventa operativo

il Rab Biopiattaforma (Residential Advisory Board), organismo consultivo autonomo e indipendente, è ora attivo

Il Rab

Formalizzato ufficialmente attraverso la firma del protocollo d’intesa a settembre 2020, il Rab Biopiattaforma (Residential Advisory Board); organismo consultivo autonomo e indipendente, composto da associazioni del territorio e dalle amministrazioni interessate. Questa in particolare avrà il compito di monitorare e controllare l’attività e l’impatto ambientale della biopiattaforma di Sesto San Giovanni nella sua fase autorizzativa; oltre che realizzativa e operativa, è divenuto operativo dal mese di ottobre 2020. I primi incontri sono stati dedicati alla definizione dei diversi ruoli interni e all’elaborazione di un programma di attività e del conseguente budget.

La centralina mobile

Il Rab in questi mesi ha affrontato inoltre il tema del posizionamento della centralina mobile temporanea e delle centraline fisse per il monitoraggio dell’aria nel territorio di Sesto San Giovanni. In merito alla centralina mobile, la richiesta, conformemente a quanto emerso dal percorso partecipativo; cioè l’iter iniziato dal novembre 2018 con l’obiettivo di coinvolgere il territorio e i cittadini nelle decisioni riguardanti il progetto, è stata quella di posizionare la centralina prima della dismissione dell’attuale inceneritore. Dall’inizio dell’attività del nuovo impianto, in modo da poter confrontare successivamente i dati raccolti sulla qualità dell’aria prima e dopo l’inizio dell’attività della biopiattaforma.

I membri del Rab e i tecnici

Il posizionamento della centralina mobile è stato reso definitivo dopo un sopralluogo tra i membri del Rab e i tecnici di Gruppo Cap; gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano, insieme all’azienda selezionata per individuare il punto più adatto. La centralina è stata collocata nei pressi del centro sportivo Manin (ingresso di Via Mulino Tuono). Il periodo di rilevamento dati è definito dal 15 febbraio al 15 marzo 2021 e i dati raccolti saranno resi pubblici verso la fine del mese di marzo 2021.

Le centraline fisse

Le centraline fisse monitoreranno in maniera continuativa e permanente le emissioni della Biopiattaforma. Il Rab inoltre si è confrontato con i tecnici di Gruppo Cap e dell’azienda che si è aggiudicata l’incarico, Orion, in merito alla tipologia di centraline scelte, al modello adottato per la valutazione della dispersione degli inquinanti in atmosfera infine agli inquinanti che devono essere monitorati, al numero e al posizionamento delle centraline stesse. 

Densità di popolazione

In merito a quest’ultimo aspetto, nelle prossime settimane il Rab parteciperà anche ai sopralluoghi tecnici per individuare i punti specifici in cui potranno essere posizionate. Il Rab ha sottolineato l’importanza di collocare le centraline nelle aree a più alta densità di popolazione, in particolare nell’area dei plessi scolastici e nell’area residenziale.

Il sito internet

È inoltre in fase di definizione il sito internet ufficiale del Rab al seguente indirizzo: rab-biopiattaforma.it. Il sito sarà lo strumento ufficiale per informare in maniera costante e approfondita tutti i cittadini del territorio in merito anche all’attività di monitoraggio che il Rab in particolare porterà avanti, per condividere le informazioni raccolte sull’impatto ambientale dell’impianto. Attraverso il sito, sarà possibile inoltre porre domande, segnalare eventuali criticità e avanzare proposte specifiche. Si sta inoltre lavorando per attivare un servizio di newsletter che sarà operativo nei prossimi mesi. Il Rab può essere contattato scrivendo a: [email protected]

L’acronimo

L’acronimo Rab sta per Residential Advisory Board, traducibile con Organismo Consultivo della Comunità Locale. Si tratta di organismi il cui obiettivo principale è svolgere un’attività di monitoraggio e controllo in merito agli impatti ambientali di impianti di vario genere (industriali, trattamento rifiuti, ecc.). I primi Rab sono nati negli anni Novanta in Olanda, per monitorare l’attività di un impianto Shell. Le prime esperienze in Italia, invece, sono nate a Imola e Ferrara, in merito ai termovalorizzatori di Hera.

La nascita

Il Rab Biopiattaforma, nato formalmente nel settembre 2020 con la firma di un protocollo di intesa, ha l’obiettivo di monitorare l’iter autorizzativo, il cantiere e poi l’attività della biopiattaforma che sostituirà il termovalorizzatore di Sesto San Giovanni. Del Rab fanno parte rappresentanti delle amministrazioni, delle aziende, dei comitati storici del quartiere dove sorgerà l’impianto (Comitato Cascina Gatti e Associazione Sottocorno), e rappresentanti di altre associazioni selezionate sulla base delle candidature autonome.

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Maria Francesca Canu

Maria Francesca Canu
Mi chiamo Maria Francesca Canu, ho vent'anni e frequento il terzo anno del corso di scienze della comunicazione a Cagliari Sono nata Nuoro, ma vivo a Cagliari, una città che amo. Mi piace leggere e adoro le materie umanistiche, amo viaggiare. Nel tempo libero mi dedico all'equitazione, una passione nata fin da piccola. Il mio moto è "tu sei il tuo unico limite"

Controlla anche

Scuola

Nuove tecnologie per sanificare la scuola

Lezioni  a scuola riprese con la massima sicurezza per studenti, professori e personale non docente. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *