Alexa Unica Radio
Olio di palma slider home
Olio di palma slider home

Golden Agri-Resources coglie i benefici per la salute dell’olio di palma

Golden Agri-Resources (GAR)  intensifica le ricerche sui benefici per la salute dell’olio di palma. Con la pandemia di COVID-19 aumentano le preoccupazioni dei consumatori per la sicurezza alimentare.

“Un mito persistente sull’olio di palma è che non sia sano perché contiene acidi grassi saturi (SAFA). Tuttavia, l’olio di palma intero è generalmente composto al 50% da acidi grassi saturi e al 50% da acidi grassi insaturi, una composizione molto diversa rispetto ai burri derivanti da latte e cacao”, ha dichiarato Paul Wassell, responsabile di ricerca e sviluppo.

A seconda del grado di raffinazione, risulta l’alimento più ricco di beta-carotene, ed è inoltre caratterizzato da un elevato contenuto vitamina E.

“Un’altra diceria è che aumenti il rischio di malattie cardiovascolari, il che è semplicemente falso. Ciò è dovuto a lacune nelle conoscenze fondamentali sulle differenze tra i tipi di SAFA, e sulla loro funzione”. Come sottolinea Wassell.

Eliminazione totale degli acidi grassi trans dalla fornitura alimentare 

Il timore di un aumento del rischio di malattie cardiache sta spingendo i regolatori sanitari globali a vietare gli acidi grassi trans contenuti negli oli vegetali parzialmente idrogenati. La Federal Drug Administration degli Stati Uniti e l’OMS prevedono di eliminare i grassi trans industriali entro rispettivamente il 2020 e il 2023.

I conglomerati del settore cibo e bevande sono passati all’olio di palma naturale, perché è naturalmente privo di acidi grassi trans industriali e non necessita di idrogenazione per essere modificato, a differenza degli oli di semi di girasole, colza e soia. Tra i quattro principali oli di base, l’olio di palma rimane privo di alterazioni genetiche, un olio non-OGM.

“L’aggiunta di idrogeno rende l’olio più saturo e può portare alla formazione di acidi grassi trans. Pertanto, la capacità dell’olio di palma di essere frazionato naturalmente e poi ricombinato in altri prodotti senza idrogenazione è un enorme vantaggio”, ha sottolineato Wassel.

 

About Camilla Bruno

Nel 2014 mi sono diplomata in flauto traverso al Conservatorio, attualmente frequento la facoltà di Beni Culturali e Spettacolo, e dal 2018 insegno musica privatamente. Sono appassionata di cinema di musica e di arte. Oltre all’esperienza nella gestione social di realtà come il Cineclub FEDIC di Cagliari, negli ultimi anni ho approfondito i miei studi nel campo degli audiovisivi e del mercato dell’arte. Attualmente sono l'amministratrice del progetto di art management Visual Scout.

Controlla anche

Identificato nuovo potenziale target terapeutico nella SLA

Un’équipe di ricercatori ha descritto il ruolo chiave del recettore CXCR2 in un gruppo di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *