Janas
children 593313 1920
children 593313 1920

Emergenza Educativa: famiglie e bambini

Famiglie e bambini, la vita ai tempi del Covid : il punto di vista della “Pedagogista”

Dall’inizio della pandemia come pedagogista ho raccolto molte testimonianze, articoli documentati, fonti autorevoli. Con le quali ho avuto modo di interloquire personalmente su varie situazioni che ruotano attorno alla salute di bambini e adolescenti.

A questo mio lavoro si è aggiunta una vasta osservazione dedicata a gravidanza, parto e salute dei neonati.

L’incertezza e la vaghezza hanno smarrito anche le future mamme e le neo mamme. Di conseguenza anche i propri piccoli, hanno assorbito in qualche modo ogni pensiero.

Ne è scaturita quella che a me piace definire “the time of vagueness” ( il tempo della Vaghezza).

L’emergenza Covid ha cambiato profondamente le abitudini delle famiglie e della loro prole.

Tra le consuetudini più evidenti notiamo l’aumento dell’ irritabilità, disturbi del sonno, disturbo d’ansia. Si verificano anche disturbi di apprendimento e disturbi generici del neurosviluppo.

Il tempo che io definisco della “vaghezza”, mi fa pensare ad un tempo ormai esteso. Con routine che si sovvertono, mutano, si sconvolgono.

I scarsi rapporti sociali, aiuti residui un tempo in cui allo stato attuale e dopo più di un anno di emergenza sanitaria restare a casa isolati comincia a diventare davvero molto difficile.

Ho avuto modo di osservare comportamenti e atteggiamenti discrepanti durante l’arco della giornata e durante le mie ore di lavoro.

Compreso che i loro ” nuovi” momenti di iper-eccitazioni, mostrano le loro agitazioni interiori provocate da incertezza.

Le nuove preoccupazioni per i bambini

Le nuove preoccupazioni persistenti esprimono difficoltà a fermarsi sulle cose più semplici. Come evidenti ritorni problemi alla lettura semplificata che avevamo già risolto e risollevato da un pezzo.

I miei occhi, hanno avuto modo di osservare che i più piccoli sono molto più reattivi alle piccole frustrazioni che spesso mascherano.

Le paure e le nuove incertezze come la tristezza, l angoscia la paura possono manifestarsi anche in modo drammatico con diversi comportamenti . I problemi sono urla, scoppi di rabbia e manifestazioni aggressive.

Un’altra preoccupazione quale ho avuto modo di notare  con attenzione sono le comparse di  stereotipie, consuetudini stranizzate o tic, anche in bambini normo- dotati.

Senza ombra di dubbio ai nostri bimbi ed ai nostri ragazzi, sono stati chiesti sforzi enormi. Cio hanno messo a dura prova la propria individualità e indipendenza.

Comprensibile notare che la perdita della socialità, della spensieratezza del mondo dell’infanzia e  dell’adolescenza ha deturpato il proprio spirito ed il proprio io- razionale.

Chiusura delle scuole, un danno per i bambini

Un altro principale problema è la ripetuta e continua chiusura delle scuole. Sta mettendo a ” sorte”  la salute mentale dei bambini.

Rischi di crolli nervosi sia da parte delle famiglie che dei bambini molto più accentuati rispetto un anno fa.

La ragione è semplice, la didattica a distanza può essere stata  una risorsa in quanto riesce a “formare” anche in distanze da oltreoceano. Dall’altro canto non la vediamo più come una vera e propria cespite

Insomma una incostanza, intermittenza e volubilità che mette a dura propria anche la pazienza e la resilienza più forte.

Per non parlare delle tante lotte  Pedagogiche ed educative contro l’utilizzo smisurato di tablet ,PC , dispositivi mobili. Notato a mia vista che, alle spalle della DAD , la cultura ha un pessimo stato di conservazione. La didattica è alterata e parzialmente danneggiata, ed il rendimento disciolto .

Voglio ricordare a me stessa che l’edificazione educativa e formativa e dunque tutti i processi di apprendimento avvengono soprattutto nell’ambiente giusto . In classe l’insegnamento è funzionale al 100%. La formazione istituzionale all’interno della scuola non lascia spazio a interpretazioni, la finalità del sistema è osservabile e tangibile .

 

La mia osservazione volge su un punto di riflessione molto pesante ma consapevole. Non vorrei mai che tutto ciò diventi una nuova normalizzazione del limite alla nostra società e dunque introiettare l’idea che l’ esistenza di vita  dei più piccoli e dei più giovani debba subire limitazioni fisiche le quali a loro volta possono tradursi in insensibilità ai problemi della vita sociale, inettitudine alla convivenza, misantropia e dunque disprezzo o mancanza di fiducia nei confronti del genere umano.

Cosa fare, allo stato attuale,  per soccorrere e risollevare questo lungo problema educativo e sociale radicato in questo spazio temporale ?

Accendiamo i riflettori su tutta la “questio”.Dobbiamo potenziare le soluzioni e mettere in evidenza il dramma.Auspichiamo la condivisione sociale, facciamolo con tutte le dovute precauzioni che ormai conosciamo ma facciamolo!Ricordiamo che viviamo ancora in un delicato periodo di passaggio , ma abbiamo oggi delle armi a nostro favore come protocolli sanitari e vaccini.Occorre oggi più che mai recepire la consapevolezza che dobbiamo difendere e salvaguardare la nostra ” pelle ” e quella degli altri , soprattutto dietro nostri comportamenti.

La fiducia alla vita, gli avvenimenti, le attese fiduciose e costruttive, le belle prospettive appartengono a delle leve interiori che spingono il nostro essere  ad andare avanti.

Urge tornare alla vita sociale affrontando se stessi quotidianamente, uscire e respirare il mondo esterno per demonizzare la noia.

Occorre tornare immediatamente al confronto con la società, con i pari, ritrovare le risorse individuali, riscoprire le attese, i sogni, le nuove possibilità, le nuove promesse , acquisire fiducia nel prossimo.

Tornare alla vita , ma quella reale. Riprendere la consapevolezza della valenza personale , reinserirsi nell’ambito sociale e lavorativo , tornare ai nostri diritti umani e della vita civile.

Riscopriamo la natura e la bellezza in ogni sua forma, guardiamo oltre l’orizzonte e alimentiamo gli eventi graditi e favorevoli.

Torniamo ad amare noi stessi e ” l’altro”, torniamo a dare fiducia, proiettiamo i nostri progetti al futuro come garanzia di ritrovare un mondo migliore e più pulito.

 

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Paola Usai

Paola Usai
Studio Beni Culturali all'Università di Cagliari. Sono sarda, ma attualmente vivo a Bolzano dove lavoro come au pair.

Controlla anche

rtl 102.5 suite

Musica, Rtl 102.5: Noemi dal vivo a “Suite 102.5 Prime Time Live”

“Suite 102.5 Prime Time Live” è una produzione originale RTL 102.5 che si propone di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *