Janas
dead trees 947331 1920
dead trees 947331 1920

Clima, nuova app Copernicus

Una nuova app Copernicus gratuita monitora il raggiungimento del limite di 1,5°C di temperatura e mostra i dati del clima gratuiti che gli sviluppatori possono adattare e utilizzare. 

Un’app Copernicus per monitorare il raggiungimento del limite di 1,5 gradi di temperatura previsto dall’accordo di Parigi. L’ha sviluppata Copernicus Climate Change Service (C3S). Così può dare un’idea a chiunque dell’attuale stato del riscaldamento globale. L’applicazione gratuita, permette a chiunque di inserire gli attuali cambiamenti climatici nelle tendenze della temperatura limite globale. Infatti è pensata per gli scienziati e gli specialisti tecnici che cercano di sviluppare applicazioni nel settore climatico.

Copernicus ricorda che l’accordo di Parigi, mira a rafforzare la risposta globale alla minaccia del cambiamento climatico. Mantiene l’aumento della temperatura globale nel 21/mo secolo ben al di sotto dei 2 gradi rispetto ai livelli pre-industriali. Persegue gli sforzi per limitare ulteriormente l’aumento della temperatura s 1,5°C. Il numero di paesi attualmente firmatari dell’Accordo di Parigi produce circa il 79% delle emissioni globali di gas serra.

“Copernicus- ha dichiarato Freja Vamborg – fornisce dati climatici gratuiti, che possono essere utilizzati per lo sviluppo di applicazioni da chiunque. Speriamo di incoraggiare l’innovazione tra gli specialisti e gli sviluppatori di tecnologia. I nostri dati e le applicazioni di esempio possono essere utilizzati in tutti i modi per aumentare la consapevolezza del cambiamento climatico.

Possono essere usati anche per incoraggiare soluzioni commercialmente valide per l’adattamento al cambiamento climatico. Rendendo i nostri dati di facile e libero accesso, agli sviluppatori esterni di applicazioni vengono dati i blocchi di partenza per creare le proprie applicazioni, sia per il pubblico generale che per settori come l’energia e l’agricoltura. Le applicazioni che utilizzano l’osservazione della Terra e i dati climatici per aiutare sia le organizzazioni che la società avranno un ruolo importante nel favorire l’adattamento al nostro pianeta che cambia”.

About Paola Usai

Paola Usai
Studio Beni Culturali all'Università di Cagliari. Sono sarda, ma attualmente vivo a Bolzano dove lavoro come au pair.

Controlla anche

Spazi di frontiera ed 2020 1

Teatro sociale: ‘Spazi di frontiera’ sabato 17 in diretta streaming

Spettacoli, laboratori e incontri in presenza e in streaming animeranno la stagione primaverile ed estiva …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *