Janas
porto o
porto o

Sardegna bianca: bozza ordinanza, test obbligatori ingresso

Tra alternative per chi arriva in Sardegna anche la quarantena 10 giorni.
 

Tre alternative, tutte caratterizzate da obbligo, per chi intende fare ingresso in Sardegna a partire da lunedì 8 marzo e non sia già vaccinato o non si sia sottoposto a tampone molecolare con esito negativo almeno 48 ore prima della partenza

 
 

Lo prevede l’ordinanza che il presidente della Regione Sardegna Christian Solinas ha adottato nella notte. La prima: recarsi presso le aree dedicate in porti e aeroporti per sottoporsi a tampone antigenico rapido. Seconda: fare il test entro 48 ore dall’arrivo in una struttura pubblica o privata accreditata a proprie spese. Terza: entrare in quarantena per dieci giorni.

Riguardo alla prima alternativa, in caso di esito negativo, la bozza del provvedimento prevede che il soggetto possa muoversi con la raccomandazione di ripetere il test dopo cinque giorni; in caso di esito positivo scatteranno le procedure previste dalla legge per i casi di Covid-19 positivi. Tutte le prescrizioni saranno fatte rispettare dall’assessorato della Sanità in accordo con le società di gestione dei trasporti aerei e marittimi. L’obiettivo del provvedimento è evitare una nuova escalation di contagi soprattutto dopo il passaggio della Sardegna, unica Regione in Italia, in zona bianca.


“Lo faccio per difendere la salute pubblica, non solo la salute dei sardi, ma anche di chi viene in Sardegna per trascorrere una vacanza e non è giusto che contraggano altro”. Così il governatore della Sardegna prepara l’ordinanza con le regole per entrare in Sardegna che dovrebbe adottare nelle prossime ore.

Il provvedimento è valido sino a mercoldì 24 marzo.

About Martina Corgiolu

Martina Corgiolu
Appassionata di musica, in particolare quella classica, dell'arte e della lettura. Studentessa di Beni Culturali e Spettacolo presso l'Università degli studi di Cagliari.

Controlla anche

1596118191

Consorzi di bonifica, la Filbi-Uila replica all’assessora Murgia

Consorzi di Bonifica, Filbi-Uila: «In Sardegna è urgente stabilizzare gli avventizi e rivedere la legge …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *