Janas
Spliceosoma
Spliceosoma

Dallo spliceosoma a nuovi farmaci

La review di una ricercatrice della Iom di Trieste offre una ricerca di funzionamento dello spliceosoma, utile per la prevenzione e la cura di più di 200 malattie.

Lo spliceosoma è un grosso complesso enzimatico formato da proteine e piccole molecole di RNA nucleare, unito a proteine. Costituisce complessi chiamati snRNP (small nuclear ribonucleoproteins).

Una review di Alessandra Magistrato, ricercatrice dell’Istituto officina materiali del Consiglio nazionale delle ricerche di Trieste offre un quadro della ricerca sul funzionamento dello spliceosoma. Il complesso enzimatico consente la sintesi proteica e che può essere responsabile di più di 200 malattie, tra cui diversi tipi di tumori e leucemie. La ricercatrice ha analizzato il meccanismo di splicing per procedere nella ricerca di farmaci utili per la prevenire e curare le malattie ad esso associate.

Correggere i difetti di splicing e prevenire le malattie ad esso connesse

Spiega Magistrato: “Melanoma, tumore al seno, leucemia sono patologie connesse al cattivo funzionamento dello spliceosoma. Questo meccanismo macchinario molecolare comincia a essere conosciuto più dettagliatamente nel 2016, grazie all’impiego di tecniche che hanno dato così l’avvio alle simulazioni atomistiche. L’obiettivo è comprendere meglio il meccanismo molecolare per identificare delle molecole che possano correggere i difetti di splicing e prevenire le malattie ad esso connesse”. Nell’articolo si passano in rassegna i lavori condotti e pubblicati su riviste scientifiche internazionali.

“È importante il grande contributo che le simulazioni atomistiche hanno dato alla conoscenza dettagliata del meccanismo dello spliceosoma. In alcune ricerche abbiamo studiato nel dettaglio come avviene, a livello atomistico, il processo chimico di taglia e cuci dell’RNA”, prosegue Magistrato. Sempre attraverso simulazioni, l’obiettivo è quindi quello di identificare molecole sempre più efficaci per la cura e la prevenzione delle malattie connesse”. Il gruppo della ricercatrice ha ricevuto un Grant per la ricerca sul cancro, che finanzia la ricerca sullo spliceosoma per i prossimi cinque anni.

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Veronica Delia Schirru

Veronica Delia Schirru
Sono una studentessa in Beni Culturali nella facoltà degli Studi di Cagliari. Amante dell'Arte e affascinata dalla storia del passato.

Controlla anche

continua ricerca emofilia

Emofilia, Novo Nordisk rafforza impegno per pazienti

Da indagine condotta da Bhave emerge l’impatto della pandemia su assistenza alle persone che soffrono …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *