Janas
HAC

L’HAC Nuoro cede di stretta misura alla Pontinia

L’HAC Nuoro cede di stretta misura alla Cassa Rurale Pontinia. La formazione nuorese gioca alla pari contro il più quotato avversario, ma alla fine deve cedere sul 17-16.

Sconfitta immeritata e che fa male per la squadra di Roberto Deiana che davanti al quotato avversario deve arrendersi sul punteggio finale di 17-16. Un risultato che premia la compagine laziale che consolida così il suo quinto posto in classifica centrando il decimo successo stagionale.

È una di quelle partite che lasciano tanti rimpianti. Le barbaricine lottano punto a punto in una gara caratterizzata dai tanti errori in fase offensiva. In cui la ribalta è soprattutto per i portieri, brave Stojak e Sitzia da una parte, ottima Bordon dall’altra nel tenere le sue compagne a galla nei momenti più critici. Basolu e compagne hanno un solo breve calo all’inizio della ripresa: nell’economia della gara risulterà determinante nonostante la reazione da squadra matura.

Il calendario non concede soste e già mercoledì la HAC farà visita a Salerno prima dello scontro diretto contro Cingoli sabato prossimo alla Polivalente. Obiettivo smaltire subito la delusione e ripartire in fretta. La corsa alla salvezza si complica ma il traguardo è ancora raggiungibile.

La cronaca della partita

Avvio caratterizzato dai tanti errori, si segna poco e i portieri non devono fare gli straordinari. Meglio Nuoro che apre le marcature con Michela Notarianni a cui risponde l’ex Luisella Podda. La squadra di Deiana è sempre avanti, allunga anche sul 4-2 grazie ai contributi di Basolu, Satta e Madau. Ma Pontinia non molla e trascinata da Barbosu e Bassanese rientra sempre in partita trovando il suo primo vantaggio sul 4-5.

Basolu e compagne non si scoraggiano e la gara si tiene sul filo dell’equilibrio fino agli ultimi minuti. Pontinia trova il definitivo 7-8 con cui si chiude un primo tempo dal finale incandescente in campo e, soprattutto, fuori con un vivace battibecco tra i due allenatori figlio di alcune decisioni arbitrali controverse.

Nella ripresa le laziali partono meglio mentre Nuoro ha un momento di smarrimento e poca lucidità, mister Nasta sfrutta le rotazioni (tra le quali spicca l’altra ex Sara Bellu) e grazie soprattutto al contributo di Bassanese, la sua squadra piazza l’allungo fino al 16-12. Ma la HAC è tutt’altro che rassegnata e trascinata da Domenica Satta e Silvia Basolu trova un parziale di 3-0 che rimette tutto in discussione.

La squadra di casa non molla

La squadra di casa si riporta sotto ma manca il guizzo del sorpasso, davanti si continua a sbagliare tanto da una parte e dall’altra anche per merito delle prestazioni super dei portieri, in particolare di Nadia Bordon che chiude a più riprese lo specchio della porta sulle iniziative di Satta, palesemente innervosita da alcune discutibili decisioni arbitrali ai suoi danni, e Notarianni.

Pontinia conserva il vantaggio minimo fino alla fine, Nuoro non riesce a sfruttare l’ultimo possesso e al suono della sirena fa festa la squadra ospite che a differenza di altre volte ha saputo gestire bene i secondi finali, regalandosi una vittoria importante che fa ancora sperare in chiave playoff scudetto, vista la contemporanea sconfitta di Erice.

Per Nuoro è una sconfitta che brucia perché i presupposti per la grande impresa sembravano esserci tutti. Un risultato da archiviare in fretta in vista degli ultimi impegni prima della sosta: per Deiana diverse cose da sistemare, soprattutto in fase offensiva, ma la squadra ha dimostrato di essere viva e pronta a lottare.

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Andrea Ennas

Andrea Ennas
Sono un giovane ventenne appassionato di sport, musica e cinema.

Controlla anche

Murales Sardegna

“T’Essere I.S.R.E”: arti e vecchi mestieri rivivono a Nuoro

Parliamo del progetto “T’Essere I.S.R.E“, acronimo di identità, sistemi, rete, educazione. Esso è articolato in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *