Janas

Covid e mascherina: aumenta la sindrome dell’occhio secco

Se la mascherina è indossata male è “Particolarmente dannoso nei soggetti a rischio, come nei videoterminalisti, nei portatori di lenti a contatto e nelle donne in menopausa”. Lo afferma l’oculista di Careggi, Rita Mencucci. 

Covid e mascherina: aumenta sindrome dell'occhio secco

L’emergenza Covid fa male anche agli occhi. La sindrome dell’occhio secco (Ded) è in costante aumento. Dopo i 50 anni ne soffre tra il 20 e il 30% della popolazione, con un’incidenza quasi doppia nelle donne. La necessità di usare la mascherina ha peggiorato la situazione, tanto che è stata coniata una nuova espressione ‘Mask-associated dry eye’ (Made). Soprattutto se indossata male, infatti, provoca un flusso di aria che risale a pressione dalla bocca verso l’occhio, aumentando la secchezza della superficie oculare.

“Questo meccanismo potrebbe essere particolarmente dannoso nei soggetti a rischio, come nei videoterminalisti, nei portatori di lenti a contatto, nelle donne in menopausa“. Spiega Rita Mencucci, oculista presso l’Azienda ospedaliera universitaria Careggi di Firenze Home (aou-careggi.toscana.it)

Le raccomandazioni della specialista 

“E’ importante indossare la mascherina correttamente in modo che aderisca perfettamente al volto. Bisogna utilizzare lacrime artificiali e durante l’utilizzo del videoterminale seguire la regola del 20-20-20. Ogni 20 minuti fare una pausa di 20 secondi, guardando a 20 piedi (circa 6 metri), cioè lontano”.

La sindrome dell’occhio secco è uno degli strascichi più importanti dopo un intervento di cataratta, tra le operazione più praticate al mondo con una percentuale di rischio intraoperatorio e postoperatorio tra le più basse in assoluto. Eppure, anche quando perfettamente eseguito e riuscito, comporta in circa il 30% dei pazienti l’insorgenza della sindrome. E questa genera insoddisfazione nel paziente desideroso di vedere bene dopo aver eliminato la cataratta. Uno studio italiano, pubblicato sulla rivista ‘Advances in therapy’, ha dimostrato che pre-trattare i pazienti prima dell’intervento di cataratta con un mix di principi attivi come vitamina D, A, omega 3 e liposomi riesce a diminuire il discomfort post-operatorio.

About Valentina Matzuzi

Valentina Matzuzi
Sono una studentessa in Scienze della Comunicazione all'università di Cagliari. Ho 22 anni e vivo a Cagliari.

Controlla anche

haircut 2664088 1920

Con zona rossa 20mln di danni per parrucchieri ed estetisti

La Sardegna torna in zona rossa, le conseguenze del nuovo dpcm colpisce il settore del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *