Janas
nuovo studio

Il nuovo studio del WWF sui possibili scenari sulla pesca

Il nuovo studio riguarda gli stock ittici del Mediterraneo, inclusi quelli di grande valore commerciale di nasello e cernia, potrebbero rigenerarsi se il 30% del mare venisse protetto efficacemente. Considerando che ad oggi, solo il 9,68% del Mar Mediterraneo è indicato come ‘protetto’ e che solo l’1,27% è effettivamente tutelato, c’è ancora molto lavoro da fare.

Il nuovo report del WWF “30 per 30: Possibili scenari per rigenerare la biodiversità e gli stock ittici nel Mediterraneo” indica gli scenari per l’attività di conservazione nel Mar Mediterraneo.

Analizzando i benefici che l’interruzione della pesca insostenibile e della pesca illegale porterebbe alla biodiversità marina e alle popolazioni ittiche. Lo studio è stato condotto in collaborazione con i ricercatori del CNRS-CRIOBE Francese, l’Ecopath International Initiative e l’ICM-CSIC Spagnolo.

L’analisi scientifica ha evidenziato che nei prossimi anni gli stock ittici nel Mediterraneo continueranno a diminuire.

I risultati dello studio, inoltre, mostrano che le catture degli sparidi potrebbero aumentare del 4-20%. Quelle dei grandi pesci demersali di interesse commerciale fino al 5%.

Nel Mediterraneo Occidentale l’analisi mostra aumenti potenziali degni di nota. La biomassa di predatori potrebbe aumentare fino al 45%, mentre la biomassa di specie commerciali come potrebbe aumentare del 50% e il nasello potrebbe perfino raddoppiare la sua biomassa. Anche il tonno rosso potrebbe potenzialmente rigenerare la sua biomassa fino a un aumento record del 140%.

Un nuovo piano Globale

A fine 2021, ci si aspetta che i leader mondiali adottino un nuovo Piano Globale post-2020 per la Biodiversità. Il tutto per fermare e invertire la perdita di Natura. Più di 50 Paesi, inclusa l’Italia, hanno già chiesto un impegno per proteggere il 30% del Pianeta entro il 2030.

Questo impegno dovrebbe poi essere applicato dai Paesi Mediterranei nel Piano regionale per la biodiversità. Da adottare a dicembre alla 22° Conferenza delle Parti della Convenzione di Barcellona. A tal fine, il WWF chiede a tutti i governi Mediterranei di sviluppare dei piani di azione più ambiziosi per fornire una protezione adeguata al Mar Mediterraneo.

Italia al centro della strategia di tutela

L’ Italia in particolare è una delle nazioni con la maggiore responsabilità per il raggiungimento degli obiettivi al 2030 nel Mediterraneo. Poiché le sue coste sono lambite da 3 delle 6 aree che, se protette, si prevede forniscano i maggiori benefici di conservazione. Mediterraneo nord-occidentale, Canale di Sicilia e Mare Adriatico. Nel nostro Paese però molto deve essere ancora fatto. Secondo l’analisi condotta nel 2019 da WWF infatti, soltanto l’1,67 % delle aree marine a vario titolo protette italiane sono gestite in modo efficace attraverso piani di gestione implementati (Gomei et al.2019).

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Andrea Ennas

Andrea Ennas
Sono un giovane ventenne appassionato di sport, musica e cinema.

Controlla anche

mario draghi

Draghi: dal 26 aprile zona “gialla rafforzata”

“Si può guardare al futuro con prudente ottimismo e fiducia”. Queste le prime parole del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *