Alexa Unica Radio
ACTRIMS

ACTRIMS i pazienti con SM trattati con Cladribina

I nuovi dati presentati al Congresso ACTRIMS 2021 indicano che i pazienti con Sclerosi Multipla recidivante trattati con Cladribina compresse sviluppano una risposta anticorpale protettiva ai vaccini comuni.

  • Un’analisi retrospettiva dello studio MAGNIFY-MS dimostra che i pazienti sviluppano livelli di anticorpi protettivi per almeno 6 mesi. Dopo i vaccini per la varicella e l’influenza stagionale, indipendentemente  dalla tempistica del vaccino rispetto alla somministrazione di Cladribina compresse.
  • I risultati iniziali del sottostudio CLOCK-MS mostrano livelli di anticorpi protettivi contro l’influenza a 4 settimane dalla vaccinazione. In pazienti con SM trattati con Cladribina compresse.
  • In entrambi gli studi, i livelli protettivi di anticorpi sono rimasti costanti o sono aumentati indipendentemente dalla conta linfocitaria.

Merck, azienda leader in ambito scientifico e tecnologico, annuncia oggi, nel corso del Congresso ACTRIMS 2021 la presentazione di una nuova analisi dello studio  MAGNIFY-MS su Cladribina. Ovvero compresse nei pazienti con Sclerosi Multipla Recidivante (SMR). I dati mostrano che i pazienti con SM recidivante che ricevono Cladribina compresse sono in grado di sviluppare una risposta ai vaccini contro l’influenza stagionale e la varicella.

“Comprendere l’efficacia della vaccinazione nei pazienti con SM è particolarmente importante. Soprattutto di fronte all’attuale pandemia e alla crescente disponibilità di vaccini contro il COVID-19”. Ha dichiarato Klaus Schmierer, Professore di Neurologia presso la Queen Mary University di Londra e al Royal London Hospital, Gran Bretagna durante l’ACTRIMS.

“Anche se queste nuove informazioni si basano su una piccola coorte di pazienti che ha ricevuto vaccini antinfluenzali e contro la varicella, forniscono ai medici dati preliminari. Da essi emerge che i pazienti che assumono Cladribina compresse sono in grado di sviluppare e mantenere risposte efficaci al vaccino”.

L’analisi retrospettiva

L’analisi retrospettiva condotta per valutare la risposta anticorpale protettiva alle vaccinazioni contro l’influenza stagionale (n=12). Inoltre anche contro il virus della varicella (n=3) nei pazienti trattati con Cladribina compresse. Sono stati esaminati campioni di sangue prelevati prima e dopo la vaccinazione. Nei pazienti che hanno ricevuto il vaccino contro l’influenza stagionale, i livelli di anticorpi protettivi erano mantenuti o aumentati per almeno 6 mesi. Indipendentemente dalla conta linfocitaria misurata al tempo della vaccinazione nel corso del primo o secondo anno di trattamento con Cladribina compresse.

Nei pazienti che hanno ricevuto il vaccino contro la varicella i livelli di anticorpi protettivi dalla varicella sono stati mantenuti nel corso dei 6 mesi successivi l’inizio del trattamento con Cladribina compresse, nonostante la deplezione linfocitaria. Questi risultati sono stati consistenti a prescindere da quando i pazienti hanno ricevuto il vaccino rispetto al loro trattamento con Cladribina compresse.

Nell’analisi del sottostudio CLOCK-MS sul vaccino, 3 pazienti con SM recidivante-remittente hanno ricevuto almeno una dose di Cladribina compresse prima di ricevere il vaccino antinfluenzale. I livelli di anticorpi protettivi sono aumentati nelle 4 settimane successive alla vaccinazione in tutti e tre i pazienti. Due di questi pazienti, che hanno ricevuto il trattamento con Cladribina compresse 2 e 4 mesi prima della vaccinazione, stavano manifestando linfopenia al momento della vaccinazione.

About Andrea Ennas

Sono un giovane ventenne appassionato di sport, musica e cinema.

Controlla anche

sclerosi multipla

Il neurologo: ‘Telemedicina per pazienti affetti da sclerosi multipla’

Colpisce la mielina, la sostanza bianca del sistema nervoso centrale, determinando disturbi neurologici che possono …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *