Janas
ACTRIMS

ACTRIMS i pazienti con SM trattati con Cladribina

I nuovi dati presentati al Congresso ACTRIMS 2021 indicano che i pazienti con Sclerosi Multipla recidivante trattati con Cladribina compresse sviluppano una risposta anticorpale protettiva ai vaccini comuni.

  • Un’analisi retrospettiva dello studio MAGNIFY-MS dimostra che i pazienti sviluppano livelli di anticorpi protettivi per almeno 6 mesi. Dopo i vaccini per la varicella e l’influenza stagionale, indipendentemente  dalla tempistica del vaccino rispetto alla somministrazione di Cladribina compresse.
  • I risultati iniziali del sottostudio CLOCK-MS mostrano livelli di anticorpi protettivi contro l’influenza a 4 settimane dalla vaccinazione. In pazienti con SM trattati con Cladribina compresse.
  • In entrambi gli studi, i livelli protettivi di anticorpi sono rimasti costanti o sono aumentati indipendentemente dalla conta linfocitaria.

Merck, azienda leader in ambito scientifico e tecnologico, annuncia oggi, nel corso del Congresso ACTRIMS 2021 la presentazione di una nuova analisi dello studio  MAGNIFY-MS su Cladribina. Ovvero compresse nei pazienti con Sclerosi Multipla Recidivante (SMR). I dati mostrano che i pazienti con SM recidivante che ricevono Cladribina compresse sono in grado di sviluppare una risposta ai vaccini contro l’influenza stagionale e la varicella.

“Comprendere l’efficacia della vaccinazione nei pazienti con SM è particolarmente importante. Soprattutto di fronte all’attuale pandemia e alla crescente disponibilità di vaccini contro il COVID-19”. Ha dichiarato Klaus Schmierer, Professore di Neurologia presso la Queen Mary University di Londra e al Royal London Hospital, Gran Bretagna durante l’ACTRIMS.

“Anche se queste nuove informazioni si basano su una piccola coorte di pazienti che ha ricevuto vaccini antinfluenzali e contro la varicella, forniscono ai medici dati preliminari. Da essi emerge che i pazienti che assumono Cladribina compresse sono in grado di sviluppare e mantenere risposte efficaci al vaccino”.

L’analisi retrospettiva

L’analisi retrospettiva condotta per valutare la risposta anticorpale protettiva alle vaccinazioni contro l’influenza stagionale (n=12). Inoltre anche contro il virus della varicella (n=3) nei pazienti trattati con Cladribina compresse. Sono stati esaminati campioni di sangue prelevati prima e dopo la vaccinazione. Nei pazienti che hanno ricevuto il vaccino contro l’influenza stagionale, i livelli di anticorpi protettivi erano mantenuti o aumentati per almeno 6 mesi. Indipendentemente dalla conta linfocitaria misurata al tempo della vaccinazione nel corso del primo o secondo anno di trattamento con Cladribina compresse.

Nei pazienti che hanno ricevuto il vaccino contro la varicella i livelli di anticorpi protettivi dalla varicella sono stati mantenuti nel corso dei 6 mesi successivi l’inizio del trattamento con Cladribina compresse, nonostante la deplezione linfocitaria. Questi risultati sono stati consistenti a prescindere da quando i pazienti hanno ricevuto il vaccino rispetto al loro trattamento con Cladribina compresse.

Nell’analisi del sottostudio CLOCK-MS sul vaccino, 3 pazienti con SM recidivante-remittente hanno ricevuto almeno una dose di Cladribina compresse prima di ricevere il vaccino antinfluenzale. I livelli di anticorpi protettivi sono aumentati nelle 4 settimane successive alla vaccinazione in tutti e tre i pazienti. Due di questi pazienti, che hanno ricevuto il trattamento con Cladribina compresse 2 e 4 mesi prima della vaccinazione, stavano manifestando linfopenia al momento della vaccinazione.

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Andrea Ennas

Andrea Ennas
Sono un giovane ventenne appassionato di sport, musica e cinema.

Controlla anche

vacanze

Vaccini: 70% degli italiani andrà in vacanza

Grazie alla campagna vaccinale il numero degli italiani che decideranno di andare in vacanza nel …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *