Janas
graduation 1449488 1920
graduation 1449488 1920

Istat: sale livello istruzione ma ancora troppe poche lauree

 

Livello di occupazione in aumento in Sardegna. La forza lavoro, dai 15 anni in su, è pari a 731 mila, 12 mila in più rispetto al 2011 (+1,7%)

L’incremento è dovuto in particolar modo alla crescita delle persone in cerca di occupazione (+7,9%), soprattutto fra gli uomini (+14,0%). Aumentano lievemente anche gli occupati nel complesso (+0,3%), grazie al contributo della componente femminile (+5,7%). Ma il mercato del lavoro “presenta un forte squilibro di genere“.

L’attività attività degli uomini (59,3%) supera di oltre 16 punti quello delle donne. Il tasso di occupazione maschile è al 47,7%, oltre 13 punti più elevato di quello femminile. Mentre quello di disoccupazione resta elevato, 19,8% Sardegna rispetto al 13,1% in Italia, ed è pari al 19,4% per gli uomini e al 20,3% per le donne. Quello di attività è pari al 51,0%, 1,5 punti percentuali sotto il corrispondente valore nazionale. Gli occupati rappresentano il 40,9% della popolazione di 15 anni e più, contro il 45,6% della media italiana.

Istruzione

Tra il 2011 e il 2019 il livello dell’istruzione in Sardegna è complessivamente migliorato. Definendo una popolazione in possesso di titoli di istruzione sempre più alti e specialistici. Le variazioni rimangono al di sotto della media nazionale in tutti i gradi di istruzione”. Lo afferma l’Istat nel documento finale sul Censimento 2019. Dalla rilevazione emerge, infatti, che il 30,3% della popolazione con 9 anni e più ha un diploma di scuola secondaria di secondo grado o di qualifica professionale, il 16,4% la licenza elementare e il 35,7% la licenza di scuola media. Le persone con un titolo universitario e superiore sono aumentate dal 10,0% al 12,2%, mentre le persone con un titolo terziario e superiore sono il 12,2%. Rispetto al 2011, è quasi dimezzata la presenza degli analfabeti (dall’1,3% allo 0,7%) e sono diminuiti gli alfabeti privi di titolo di studio (dal 5,9% al 4,7%).

“Concentrando l’attenzione sui confronti regionali e nazionali delle variazioni intercorse tra il 2019 e il 2011 le tendenze più significative riguardano da una parte la riduzione della quota di analfabeti (in Sardegna di 5,1 punti percentuali oltre la media nazionale) e dall’altra l’aumento delle persone che raggiungono il titolo terziario di primo livello (7,1 punti percentuali in più in Sardegna) – osserva l’Istituto -. Da segnalare, per contro, la minore intensità nell’incremento nel titolo di studio Dottorati di ricerca e Alta formazione in cui lo scarto fra il dato regionale e dato nazionale è di 12 punti percentuali”.

 

About Martina Corgiolu

Martina Corgiolu
Appassionata di musica, in particolare quella classica, dell'arte e della lettura. Studentessa di Beni Culturali e Spettacolo presso l'Università degli studi di Cagliari.

Controlla anche

energia elettrica

E-Distribuzione: visita d’istruzione a distanza al Primo Levi di Quartu

E-Distribuzione è la società del gruppo Enel che gestisce la rete elettrica di media e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *