Janas

Tecnologia: gli occhiali Apple che potrebbero sostituire gli iPhone

Addio smartphone? Nel 2022 una nuova tecnologia potrebbe mettere fine, o definire una scadenza, all’apparecchio elettronico più diffuso al mondo.

tecnologia tim cook apple

Nel 2007 veniva lanciato iPhone: non il primo smartphone sul mercato ma quello che indicò un concetto nuovo di uso del cellulare. Ora Apple sta testando un sistema da indossare come un paio di occhiali che potrebbe sostituire il tradizionale telefonino.

3.000 dollari per un paio di occhiali hi-tech

Secondo The Information e Bloomberg, i nuovi occhiali Ar, pensati sul modello di quelli per creare una realtà virtuale, dovrebbero andare sul mercato all’inizio del prossimo anno, in tirature limitata, e costare circa tremila dollari.

Dotati di una dozzina di microcamere in grado di tracciare il movimento degli occhi e delle mani, gli occhiali rimanderebbero immagini in ultra-risoluzione per aumentare la qualità delle immagini.

Non solo Apple: i “super-glass” sono un obiettivo comune

Quello degli occhiali in grado di fare tutto è un obiettivo inseguito da tutte le aziende hi-tech. Google aveva lanciato i suoi occhiali computer, i Google Glass, costo 1500 dollari, ma non ebbero molto successo. Microsoft aveva presentato i suoi, gli Hololens, nel 2015.

Il capo di Facebook, Mark Zuckerberg, da tempo ha confessato il suo grande sogno: occhiali in grado di fare tutto e leggere la realtà in tempo reale. La piattaforma social sta lavorando al ‘Project Aria’ in grado di registrare video, audio e accedere a dati legati al luogo in cui ci si trova. 

Un futuro già scritto?

In attesa di conferme ufficiali e della risposta del mercato, il sentiero delle tecnologia, dicono le riviste specializzate, è tracciato da tempo. In un futuro non lontano avremo tutti i dati, contatti e web davanti agli occhi, senza dover usare le mani per digitare numeri o scrivere messaggi.

About Fabio Allegra

Fabio Allegra
Studente di Scienze della Comunicazione presso l'Università di Cagliari. Non apprezzo il maestrale.

Controlla anche

telefonia, disservizi

Telefonia, 80mila italiani hanno cambiato operatore nel 2020 causa disservizi

Telefonia e disservizi: la fetta di clienti che cambiano operatore entro sette giorni dal down …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *