Alexa Unica Radio

Basket, A2 femminile: la Techfind lotta ma alle Final Eight va solo Faenza

Al PalaBubani le giallonere di Selargius combattono guidate da Cutrupi e Ceccarelli, ma le padrone di casa fanno loro il successo.

techfind
(da unionesarda.it)

La Techfind San Salvatore lotta con il coltello tra i denti, ma il verdetto del PalaBubani premia la E-Work Faenza, che vince per 67-55 e consolida il primato in classifica nel Girone Sud del campionato di A2.

Sfuma, dunque, il sogno della Coppa Italia per le selargine. Nonostante l’assenza di El Habbab, la Techfind ha comunque lottato alla pari fino alla fine contro una delle principali favorite per il salto di categoria. Decisivi i 20 punti di Porcu e i 19 di Vente, mentre dall’altra parte non sono bastati i punti di Manzotti e le ottime prove di Ceccarelli e Cutrupi.

La gara

È buono l’avvio della Techfind, che si porta presto avanti sul 7-5 con un canestro di Manzotti. La risposta faentina non si fa attendere ed è affidata a Porcu, ma nel finale di quarto emerge ancora il quintetto di Fioretto, che nonostante le condizioni non perfette di Granzotto e Cutrupi trova il modo di piazzare un mini break che regala il vantaggio al 10’ sul 19-14.

Nel secondo quarto arriva la veemente replica della formazione di Sguaizer,che pareggia i conti con Vente e prende l’inerzia mettendo in piedi un parziale di 15-5. Il San Salvatore, però, non demorde e si mantiene in linea di galleggiamento grazie anche al solido apporto di Ceccarelli (29-24).

Dopo la pausa è ancora Faenza a premere sull’acceleratore. Grazie a una difesa aggressiva e a un attacco fluido, le romagnole arrivano a toccare anche il +12 con Ballardini e Vente. La Techfind sbanda ma è abile, anche stavolta, a tenersi collegata al match, e nel finale di terzo quarto mette in difficoltà le avversarie dimezzando il gap (Ceccarelli a segno per il 51-44).

Gli ultimi dieci minuti segnano l’affondo decisivo di Faenza, che fa valere la propria qualità e pian piano riesce a scrollarsi di dosso un San Salvatore comunque determinato fino alla fine. Franceschelli firma il +11 e indirizza definitivamente il match, poi chiuso sul 67-55 grazie ai punti di Porcu e Ballardini.

Il commento di coach Fioretto

“Sapevamo che sarebbe stata dura,” commenta il coach della Techfind, Roberto Fioretto. “Speravamo di riuscire a tenere il ritmo di Faenza e lo abbiamo fatto per quasi tutta la partita, come testimonia anche il -6 al 30’. Onore alle nostre avversarie, che hanno fatto valere la loro forza. La mia squadra ha dato tutto e ha giocato una buona partita”.

“Purtroppo in un certo momento non siamo riusciti a trovare le soluzioni più giuste. Non vogliamo alibi, ma la verità è che avremmo voluto arrivare a questa gara in condizioni diverse, senza tutti questi acciacchi”, aggiunge.

“E poi avremmo dovuto giocare ai limiti della perfezione. Ad ogni modo il risultato ci sta, per cui non facciamo drammi. L’impegno non è mai mancato, e la squadra ha fatto il suo fino all’ultimo possesso”, conclude l’allenatore delle selargine.

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Fabio Allegra

Studente di Scienze della Comunicazione presso l'Università di Cagliari. Non apprezzo il maestrale.

Controlla anche

Cus Cagliari Basket Femminile

CUS Cagliari Basket – CUS, è tempo di Gara 2. Xaxa: “Pronti alla battaglia”

Archiviato il preziosissimo successo di Livorno in Gara 1, il CUS Cagliari Basket torna a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *