Alexa Unica Radio

Alghero: 60mila euro a giovani game designer per promuovere il patrimonio della città

Cinque team si sviluppatori (di cui due sardi) si sono aggiudicati i premi previsti per due giochi digitali (15.000 euro a testa) e tre analogici (10.000 euro a testa).

Alghero game designer MED GAIMS

Proseguono le attività del progetto internazionale di cooperazione euromediterranea MED GAIMS. L’ultimo passo è stato il finanziamento di 60.000 euro a favore dei team di game designer e sviluppatori che hanno partecipato all’invito a presentare proposte per la realizzazione di giochi fisici e digitali per la promozione del patrimonio di Alghero, pubblicato dalla Fondazione Alghero lo scorso agosto.

MED GAIMS, finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Programma Eni Cbc Med con 2milioni e 100mila euro, coinvolge un partenariato proveniente da Libano, Giordania, Spagna e Italia. L’obiettivo è di rivoluzionare la tradizionale visita ai siti culturali, utilizzando princìpi e tecnologie della gamification, analogica e digitale. Alghero è l’unica città italiana coinvolta attraverso la Fondazione Alghero, partner in associazione con Promo P.A. Fondazione.

Le regole del bando e lo svolgimento della gara

Il bando, promosso dalla Fondazione Alghero, ha visto partecipare game designer di tutta l’area euro-mediterranea in una sfida entusiasmante in due hackaton. Si è trattato di quarantotto ore (a ottobre e novembre) di progettazione condivisa con esperti mentors in ambito storico, culturale, game design e sostenibilità.

Nella sede operativa del Quarter, nel cuore della città, gli hackaton si sono svolti virtualmente, a causa della pandemia. Questo ha impegnato la Fondazione e i mentors in un lavoro di verifica e supporto attraverso piattaforme di condivisione.

Inoltre, al posto delle visite, la Fondazione ha provveduto a fornire online tutto il materiale necessario all’approfondimento e alla conoscenza dei siti oggetto del gioco.

Trentacinque i teams che hanno candidato la loro idea di gioco, dieci al primo turno e venticinque al secondo, diventati quindici dopo un’ulteriore selezione.

Le squadra premiate

I sessantamila euro di finanziamento verranno utilizzati per realizzare i cinque giochi vincitori, due digitali per un massimo di 15.000 euro ciascuno e tre analogici da 10.000 euro. Alla fine, i premi sono andati alle idee di gioco di cinque squadre italiane, di cui due sarde.

Per quanto riguarda i due giochi digitali, la giuria ha premiato in primis “Angelica e il re degli algiroidi”, di Elisa Meloni e Alexandro Meloni. Si tratta di un’avventura grafica che prevede una caccia al tesoro in realtà aumentata tra i siti culturali e ambientali di Alghero.

L’altro gioco digitale premiato è stato “Murder in Alguer”, gioco digitale per smartphone della Net-press, azienda del settore gaming con sede a Cagliari. È una interactive novel investigativa.

I tre giochi analogici premiati con dieci mila euro ciascuno hanno puntato sulla scoperta e l’avventura. “Alghero Urban Games“, dell’Associazione campana Il Vagabondo, è un gioco di ruolo ambientato nel centro storico di Alghero.

Si passa poi a “Alghero Quest Box”, del team composto da Stefano Grande, Michele Bellone e Francesca Gatti (Liguria). Un gioco fisico di narrazione ed esplorazione urbana, che ruota attorno al viaggio di un misterioso personaggio.

Infine “Smyth – the missing Sketchbooks” del team composto da Adele Giacoia e Sergio Vernagallo (Puglia). È un itinerario ludico alla scoperta della vita del comandante Smith, al quale è dedicata una sala della Grotta di Nettuno.

About Fabio Allegra

Studente di Scienze della Comunicazione presso l'Università di Cagliari. Non apprezzo il maestrale.

Controlla anche

Alghero, alla scoperta del pane antico

La tavola rotonda organizzata dall’AES per riscoprire il valore paradigmatico del pane, simbolo di identità, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *