Janas

Mobilità sostenibile: Lamborghini dalle supercar ai monopattini con AL1

Automobili Lamborghini affida a MT Distribution il lancio del primo articolo dedicato alla micro mobilità elettrica: il monopattino elettrico AL1.

AL1 Lamborghini Mt Distribution

Attenta all’ambiente ed alle tendenze, MT Distribution, azienda con più di 40 anni di storia ed una Business Unit dedicata, annuncia il nuovo progetto di micro mobilità elettrica in collaborazione con Automobili Lamborghini, il produttore delle iconiche supercar. AL1 non sarà una nuova vettura da corsa della casa modenese, bensì un monopattino elettrico, mezzo sempre più diffuso nell’ottica della sostenibilità ambientale.

Il progetto nasce e si realizza nel territorio della Motor Valley, terra di motori ed eccellenze, e vede il lancio del primo monopattino elettrico a marchio Automobili Lamborghini.

Le caratteristiche tecniche del mezzo

Il monopattino elettrico AL1 monta un motore da 350W brushless. Questa tecnologia richiede una manutenzione minima e ha un bassissimo livello di usura. Inoltre, regge molto bene i diversi livelli di velocità e risulta molto silenziosa.

Le ruote honeycomb sono piene e confortevoli, senza alcun rischio di foratura, abbinate alla sospensione anteriore assorbono le vibrazioni e ammortizzano i dislivelli della strada.

Il monopattino elettrico è equipaggiato con doppio freno, anteriore e posteriore. Inoltre, sono presenti luci LED sotto alla pedana per una guida in piena sicurezza anche in notturna. Il telaio interamente realizzato in magnesio garantisce la massima leggerezza ed usabilità.

AL1 sarà supportato da un’applicazione integrata da cui sarà possibile monitorare i dati di utilizzo del mezzo, impostare i parametri di crociera e regolarne le luci. Per maggiori informazioni, visitare questa pagina.

About Fabio Allegra

Fabio Allegra
Studente di Scienze della Comunicazione presso l'Università di Cagliari. Non apprezzo il maestrale.

Controlla anche

Uniss: i risultati di “BIOMARMO” saranno presentati online

L’evento finale del progetto di bioedilizia “Da scarti di lavorazione a prodotti a elevato valore …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *