Alexa Unica Radio
test smartphone tampone covid
iphone 410311 1280

Covid-19, positività rivelata da un test sullo smartphone

Secondo uno studio in Francia, il test per svelare la presenza del Coronavirus nell’organismo potrebbe arrivare dallo smartphone.

Come? Attraverso la saliva, grazie a un adattatore per smartphone, ottenendo anche risultati affidabili . E’ il test che alcuni ricercatori di Lille, in Francia, stanno mettendo a punto.

Come funziona. Il sistema, battezzato “Cordial-1”, consiste nel semplice prelievo di una goccia di campione di saliva da depositare su una apposita striscia di tessuto che è introdotta poi in una provetta. Il contenuto è poi messo a contatto di un elettrodo, una specie di chiavetta USB, connessa allo smartphone. In 10 minuti, sullo schermo appare il risultato del test.

Al momento, i ricercatori sono riusciti a realizzare e verificare l’intera procedura, ma con un prelievo naso-faringeo, come fosse un tampone molecolare. Per completare l’opera dovranno soltanto apportare le dovute modifiche per sostituire al campione prelevato attraverso il naso quello della goccia di saliva.

Ma quali sono i risultati della sperimentazione? L’’affidabilità del test sarebbe vicina al 90% contro il 95% dei tamponi molecolari.

Il progetto sarà pronto in qualche settimana. Ma i ricercatori stanno ancora cercando dei collaboratori per la produzione su larga scala. “Sappiamo che il nostro test è coerente a circa l’88% con test PCR negativi e positivi, il che è molto buono”, ha detto Sabine Szunerits a Franceinfo,  professoressa di chimica presso l’Università di Lille e uno degli iniziatori del progetto Cordial.

I test PCR sono i test più consolidati per Covid-19 a causa del loro alto livello di accuratezza. Il progetto Cordial è una delle numerose iniziative relative a Covid. Un oggetto di ricerca da parte di una task force dell’Università di Lille. Il sito web della task force afferma che i test Cordial “mostrano un’eccellente sensibilità e accuratezza”. Il sito web afferma: “CorDial soddisfa la necessità di una diagnosi rapida in situazioni di pronto soccorso (ricoveri, ricoveri, procedure invasive e chirurgiche, ecc.)”.

About Giulia D'Agostino

Amante dei libri e delle serie tv. Appassionata di arte. Cresciuta a pane e Fabrizio de Andrè.

Controlla anche

DOAM diary

Diary of a Move (DOAM): i gesti durante il lockdown

Durante il lockdown della primavera 2020, oltre sessanta persone registrarono ogni giorno un movimento, creando …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *