Alexa Unica Radio
cada die, cagliari, teatro
staging 258631 960 720

Cada Die Teatro: mercoledì 17 febbraio il videodocumento

Cada Die Teatro: il 17 febbraio on line e su Matex TV il videodocumento
“Cagliari 1943. La guerra dentro casa”


Seconda guerra mondiale, 17 febbraio 1943: Cagliari subisce il primo pesante attacco aereo da parte delle forze angloamericane. Ne seguiranno altri, devastanti. Dopo quei bombardamenti la città apparirà spettrale, semidistrutta. Dal 2006, ogni anno, nei giorni di quel drammatico anniversario moltissime persone, in particolare studenti delle scuole superiori, hanno partecipato alle rappresentazioni di CAGLIARI 1943.

La guerra dentro casa, produzione del Cada Die Teatro con la regia di Pierpaolo Piludu. Il Covid-19 sembrava potesse riuscire a interrompere questa occasione di incontro sulla memoria, per non dimenticare le follie della guerra.

“La voglia di continuare a raccontare, soprattutto ai giovani della nostra città, i tragici giorni vissuti dai loro nonni è stata più forte di qualsiasi pandemia”, sottolinea Pierpaolo Piludu. Fin dal primo lockdown i “maturi” allievi della Scuola di Arti Sceniche La Vetreria hanno continuato, il loro percorso di laboratorio su una piattaforma digitale. Inoltre quest’ultima è diventata ormai, di questi tempi, di uso comune.

Dove vedere il video documento

E mercoledì 17 febbraio si vedrà il frutto del loro lavoro: il video documento “Cagliari 1943. La guerra dentro casa” sarà on line, alle 18. Infatti la pagina Facebook di Cada Die Teatr caricherà il video documento. Inoltre Matex Tv lo trasmetterà integralmente alle 20.30. Matex Tv si trova sul canale 272 del digitale terrestre.


Un percorso inizialmente molto difficoltoso, quello che ha accompagnato la realizzazione del lavoro; che mixa i video prodotti fra le mura domestiche dagli allievi e le immagini della messa in scena teatrale originale dello spettacolo. La maggior parte degli over coinvolti, tra cui Paola Ferro, 88 anni, testimone dei bombardamenti, non aveva mai utilizzato le nuove tecnologie “a distanza”.

La recitazione online

“Ho chiesto ai miei ‘ragazzi’ di provare a recitare, ciascuno dalla propria casa, col proprio tablet, computer o cellulare, senza nessun altro supporto tecnico, le stesse battute che per anni hanno interpretato sul palcoscenico. Al di là delle difficoltà, anche tecniche, che abbiamo dovuto affrontare, siamo contenti di essere riusciti a portare a termine questo esperimento”, spiega ancora Piludu, che ha curato anche il montaggio del videodocumento.

“Pur essendo, come abbiamo più volte ripetuto, consapevoli – continua e conclude l’attore e regista di Cada Die – che il teatro è un rito dove le emozioni viaggiano attraverso la presenza fisica di attori e spettatori, abbiamo pensato di mettere in rete un documento video, rivolto in particolare agli studenti delle Scuole Superiori, che aiuti a ricordare anche quest’anno l’anniversario dei bombardamenti, le follie del fascismo, di ogni regime totalitario e guerra”.


“Cagliari 1943. La guerra dentro casa” nasce da un laboratorio teatrale, diretto da Pierpaolo Piludu, con venti allievi adulti della Scuola di Arti Sceniche La Vetreria. Parallelamente, Cada Die Teatro, in collaborazione con la Cattedra di Antropologia Culturale dell’Università di Cagliari e con l’ISRE di Nuoro, a partire dal 2006 ha portato avanti una ricerca volta alla creazione di un video-archivio dei testimoni dei bombardamenti del 1943, che raccoglie oltre 130 racconti. Piludu è inoltre autore, e regista insieme a Cristina Maccioni, del documentario “Quando scappavamo col cappotto sul pigiama”, prodotto dalla sede Rai della Sardegna, che in questi anni è andato in onda più volte su Rai Storia.

About Elena Mameli

Mi chiamo Elena, sono una ragazza di 22 anni e vivo a Sardara. Frequento l'indirizzo storico artistico della facoltà di beni culturali e spettacolo.

Controlla anche

studenti casa ersu

Ersu Cagliari. Attivo il servizio CERCO e TROVO CASA

CERCO e TROVO CASA è il servizio dell’Ersu di Cagliari per gli studenti universitari fuori …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *