Janas

Impietosi i dati Istat: le donne della sanità italiana tra le meno pagate in Europa

Per questo motivo, ogni anno tante infermiere si trasferiscono all’estero in cerca di migliori fortune. Pochissime le iscritte a lauree STEM.

sanità Italia infermiere

La pandemia ha riportato all’attenzione pubblica l’importanza della professione infermieristica, fondamentale per l’eroico contributo alla battaglia in prima linea contro il Covid-19. Tuttavia, in Italia i salari degli infermieri sono tra i peggiori in Europa (1400 euro di media), e le donne sono le più penalizzate.

Il commento del presidente Nursing Up

«I dati Istat di febbraio 2021 sono impietosi: e ci raccontano che le donne della sanità italiana sono tra le peggio pagate in Europa. Si è aggravata a vista d’occhio la loro situazione di precariato […]. [Nonostante si collochino] palesemente tra le categorie peggio retribuite in Europa, rispetto a competenze che vedono, invece, pochi eguali». Parole di Antonio De Palma, Presidente Nazionale del Sindacato Nursing Up.

Donne, infermiere, simbolo di coraggio e professionalità, sempre più penalizzate e vittime di un gap enorme che il nostro Paese vive rispetto alle altre realtà europee.

Non solo sottopagate: le infermiere italiane sono anche in netta minoranza rispetto ai colleghi uomini

Secondo una ricerca della Fondazione Deloitte, quasi un’azienda su quattro (23%) non trova i profili professionali Stem (Science, Technology, Engineering and Mathematics) di cui ha bisogno. In più, in Italia solo il 18% delle ragazze sceglie corsi di laurea STEM, cosa che logicamente rende loro ancor più arduo battere la concorrenza. Quest’ultimo dato è in linea con i trend europei e mondiali (nel mondo, meno di 4 laureati su 10 nelle materie STEM sono donne).

Guardando al contesto più generale, fa pensare il fatto che in Italia il 58,7% degli iscritti all’università siano donne, ma che le materie scelte siano di solito umanistiche. Il problema è stato trattato anche nel corso della Giornata Internazionale per le donne e le ragazze nella scienza (11 febbraio).

Questi numeri rappresentano un grande paradosso, in un Paese con un tasso di disoccupazione femminile elevatissimo e un bisogno crescente di competenze tecniche e scientifiche. 

Le poche opportunità portano alla fuga all’estero

“Tra i corsi di Laurea – continua De Palma – senza dubbio quello in infermieristica ha acquisito sempre più appeal nei confronti dei giovani […]. Ma i problemi si presentano dopo l’acquisizione della Laurea, quando le nostre infermiere sono spesso costrette a lasciare l’Italia, per cercare altrove quel contratto dignitoso e valorizzante che qui non ancora esiste”. 

“Insomma le infermiere italiane sono ingabbiate tra disoccupazione e precariato e vengono retribuite molto meno rispetto a tanti altri paesi Europei […]. Non è quindi un caso, che tra le ‘fughe’ di infermieri dall’Italia, verso nazioni come Inghilterra e Germania, ci siano sempre giovani più donne”, conclude De Palma.

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Fabio Allegra

Fabio Allegra
Studente di Scienze della Comunicazione presso l'Università di Cagliari. Non apprezzo il maestrale.

Controlla anche

Monica Bellucci riceverà il David Speciale 2021

L’attrice sarà premiata durante la cerimonia dei David di Donatello martedì 11, che verrà trasmessa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *