Alexa Unica Radio
termini, rete
apple 1851464 960 720 1

Safer internet Day, Aiart: i termini della rete più pericolosi

Safer Internet Day, Fake, Hater, Grooming, Sexting e Challenge: questi sono i “termini della Rete” da cui gli esperti oggi ci mettono in guardia

Sexting e Challenge: questi sono i “termini della Rete” da cui gli
esperti oggi ci mettono in guardia. Il 9 febbraio, come ogni anno nel secondo martedì di questo mese, si celebra, in oltre 100 Paesi nel mondo, la Safer Internet Day. Un progetto lanciato nel 2004 dall’Unione Europea per sensibilizzare ad un uso consapevole del web .

L’AIART è da anni, quotidianamente, parte attiva di questo appuntamento con numerose iniziative editoriali e formative. “Hater, Fake, Grooming,
Sexting e Challenge: questi sono i “termini della Rete” da cui gli esperti oggi ci mettono in guardia.

Continuo e inarrestabile è il monito: “La Rete non dimentica e innesca un meccanismo di non ritorno. Occorre quindi
difendere, con precisi accorgimenti, la propria reputazione virtuale. E’ fondamentale saperlo per rivendicare il “diritto all’oblio”

Da ricordare la data dell’ottobre del 2015, quando nella sala consiliare del Comune di Roma in Campidoglio, fu presentato il primo rapporto sull’Internet-Patia” che denunciava i possibili danni del web alla salute e alla privacy degli utenti.

“Le critiche alla violazione della privacy, che si registrano ogni giorno sul web sono più che motivate nei confronti di chi
dovrebbe vigilare e non lo fa. Non capisco a cosa servono questi enti inutili”: furono queste le parole dell’allora Segretario Generale della CEI Nunzio Galantino che tuonò con un chiaro riferimento all’Autorità
Garante della Privacy.

La denuncia presentata da AIART

Nonostante l’autorevolezza della denuncia e lo studio approfondito del fenomeno presentato dall’AIART , nessuna eco da parte delle Autorità competenti. Ma il tempo è galantumo e l’evidenza dei fatti oggi prevale drammaticamente. “Denunce con supporto scientifico, proposte per una
migliore regolamentazione, informazione, comunicazione, formazione: rimangono- afferma il presidente nazionale dell’AIART, Giovanni Baggio, la prerogativa principale del nostro lavoro”. ‘Serve formazione a tutto
campo e servono risorse da destinare a questo impegno- precisa il presidente- serve uscire dal gioco di ‘guardia e ladri’, per finalmente approdare alla società delle corresponsabilità’, delle regole chiare e certe, delle istituzioni decise a farle rispettare’. “E’ giusto- continua Baggio- salvaguardare e ricordare le ricorrenze ma al contempo bisogna evitare la retorica delle commemorazioni e allargare il più possibile la condivisione, il
confronto e la discussione.

Il Garante- conclude il presidente- ascolti anche il mondo dell’associazionismo che da anni lavora con il pubblico e per l’interesse pubblico, contro la miope difesa degli interessi di quanti costruiscono grandi fortune e imperi economici, violando libertà e diritti”.

About Elena Mameli

Mi chiamo Elena, sono una ragazza di 22 anni e vivo a Sardara. Frequento l'indirizzo storico artistico della facoltà di beni culturali e spettacolo.

Controlla anche

test covid

Covid: Sardegna zona rossa da lunedì 12 aprile

Sardegna in zona rossa, da lunedì 12 aprile sospese le attività didattiche in presenza, conferma …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *