Alexa Unica Radio
5660525 1146 covid vaccino italia infermiera spallanzani
5660525 1146 covid vaccino italia infermiera spallanzani

Vaccini, Covid-19: studenti discriminati

Nursind all’AOU Sassari: “Dirigenti e università pretendano dalla regione le dosi per tutelare chi lavora nei reparti, gli studenti ne hanno diritto!”

Pazienti e studenti

“Esiste una scala di priorità per vaccinare le persone, e io credo che sia stato fatto un torto, o peggio abbiano subito una grave discriminazione; i pazienti in primis e gli studenti di ostetricia e infermieristica che lavorano e turnano regolarmente nei reparti dell’Aou di Sassari, a seguire.

I vaccini

In Azienda infatti sono stati vaccinati gli specializzandi di medicina e i lavoratori delle ditte esterne contro il virus Covid 19, mentre loro che turnano quoatidianamente, no.

Forse non si è fatto abbastanza?

Ma se un fatto così grave accade, ci saranno motivi e responsabilità? Forse non si è fatto abbastanza?”. A dirlo è Fausta Pileri, segretaria del NurSind (sindacato delle professioni infermieristiche) per Sassari, vicecordinatrice regionale, e componente del direttivo nazionale, rivolgendosi alla dirigenza dell’Azienda ospedaliera e all’altro ente preposto “che dovrebbe interessarsi – ha precisato Pileri – dell’accaduto”, ovvero l’Università.

Un pericolo per gli studenti

“L’Università e i vertici dell’Aou – ha proseguito la rappresentante del NurSind – dovrebbero andare a bussare alle porte della Regione e pretendere le dosi di vaccino per questi studenti che lavorano rischiando la loro salute e diventando un pericolo così per se stessi, i pazienti, e la società.
I vaccini vanno somministrati rispettando una scala di priorità.

La precedenza ai sanitari

E credo sia giusto dare la precedenza ai sanitari che si occupano di assistenza alla persona e al paziente. Chiedo che questo diventi un obiettivo dell’Azienda e dell’Università: avere risposte rapide e certe dalla Regione. Concludo dicendo che non si tratta di polemica tra le parti, ma di seria preoccupazione per la situazione che si potrebbe venire a creare, con l’elevato e reale rischio di contagio”.

About Maria Francesca Canu

Mi chiamo Maria Francesca Canu, ho vent'anni e frequento il terzo anno del corso di scienze della comunicazione a Cagliari Sono nata Nuoro, ma vivo a Cagliari, una città che amo. Mi piace leggere e adoro le materie umanistiche, amo viaggiare. Nel tempo libero mi dedico all'equitazione, una passione nata fin da piccola. Il mio moto è "tu sei il tuo unico limite"

Controlla anche

giornata contro violenza donne

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Fondazione Libellula sempre in prima linea per cancellare ogni forma di discriminazione   Giovedì 25 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *