Alexa Unica Radio

Studio UNICEF: 1 famiglia italiana su 3 non è stata in grado di sostenere la DAD

Il 30% delle famiglie italiane non è riuscito a sostenere i figli nell’apprendimento in DAD: lo rivelano UNICEF e Università Cattolica.

DAD

Il nuovo studio “La didattica a distanza durante l’emergenza COVID-19: l’esperienza italiana“, realizzato dall’Ufficio di Ricerca UNICEF – Innocenti e Università Cattolica del Sacro Cuore, indaga le esperienze di bambini e genitori con la didattica a distanza (DAD) durante il lockdown causato dalla crisi COVID-19 in Italia.

Lo studio sottolinea l’importanza di avere accesso a una connessione Internet stabile e a buon mercato, così come a dispositivi digitali di alta qualità che supportino le videochiamate e le piattaforme educative digitali, affinché tutti i bambini possano beneficiare della didattica a distanza.

I risultati della ricerca sulla DAD in Italia: tanti problemi tecnici e un metodo da affinare

Durante il lockdown, il Governo italiano ha immesso una quantità sostanziale di risorse per sostenere la didattica a distanza. Infatti, il 46% delle famiglie intervistate ha ricevuto nuovi dispositivi digitali dagli istituti scolastici frequentati dai loro bambini. Inoltre, una famiglia su quattro ha ricevuto un abbonamento a internet per accedere alla didattica a distanza.

Tuttavia, secondo lo studio (basato sulla somministrazione di questionari a 1.028 famiglie in tutta Italia) circa il 27% del campione ha riferito di non aver posseduto tecnologie adeguate durante il lockdown, mentre il 30% dei genitori ha riportato di non avere avuto tempo a sufficienza per sostenere i propri figli con la didattica a distanza.

Il 6% dei bambini dello stesso campione non ha potuto partecipare alla DAD a causa di problemi di connettività o per la mancanza di dispositivi.

«Le famiglie più numerose hanno incontrato difficoltà a tenere il passo con la crescente domanda di dispositivi per ognuno dei loro bambini che frequenta la scuola. Queste famiglie dovrebbero beneficiare di un ulteriore sostegno finanziario […]», afferma Daniel Kardefelt – Winther, responsabile della ricerca su bambini e Internet di UNICEF Innocenti.

Per gli studenti troppe ore passate davanti allo schermo

La condizione di lockdown, insieme alle attività di apprendimento online, hanno fatto sì che i bambini utilizzassero le tecnologie digitali con maggior frequenza rispetto a prima. Si è registrato un considerevole aumento di 4-5 ore di connessione al giorno rispetto al periodo precedente al lockdown.

Questo aumento può essere direttamente attribuito alla didattica online. Invece, il tempo dedicato ad attività non scolastiche è stato ridotto a sole 2,3 ore rispetto agli anni precedenti. Forse, questo calo è figlio di un affaticamento causato dall’uso dello schermo durante il lockdown e dalle attività di didattica a distanza.

In ogni caso, il rapporto sottolinea che le ore trascorse online in attività extra scolastiche hanno rappresentato l’unica opportunità di mantenere un senso di normalità. Online, infatti, i ragazzi mantengono il contatto con gli amici, rilassandosi o addirittura facendo esercizio fisico.

Nel complesso, molti studenti hanno dichiarato di essere entusiasti e ottimisti riguardo alla didattica a distanza e hanno avuto fiducia nella loro capacità di adattamento.

Lati positivi e possibili miglioramenti

Sebbene questi risultati indichino diverse aree di miglioramento necessarie, i genitori hanno anche notato miglioramenti nella vita scolastica dei loro figli. Il 61% dei genitori ritiene che i loro figli siano diventati più bravi a organizzare le loro attività scolastiche rispetto al periodo pre-chiusura.

Inoltre, più del 70% dei genitori ha riferito che i loro figli hanno acquisito autonomia nell’uso delle tecnologie digitali per la scuola.

Considerati nel loro insieme, questi risultati evidenziano che i bambini potrebbero beneficiare di sforzi più concertati volti ad accrescere il loro benessere e la salute mentale. In questo modo si migliorerebbe l’esperienza complessiva di apprendimento a distanza per entrambi bambini e genitori.

About Fabio Allegra

Studente di Scienze della Comunicazione presso l'Università di Cagliari. Non apprezzo il maestrale.

Controlla anche

Francesco Feliziani

Francesco Feliziani. L’importanza dello sport e dell’integrazione in periodo post Covid

Get Widget “Rivalutare sport più di nicchia come Scherma, Badminton e Calcio Balilla” Giornata simbolica …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.