Alexa Unica Radio
beni

FAI dal 3 febbraio tornano le aperture dei beni

Visitabili Villa Necchi Campiglio e Palazzina Appiani a Milano, Villa e Collezione Panza a Varese, il Negozio Olivetti in piazza San Marco a Venezia e l’Abbazia di San Fruttuoso a Camogli.

Il FAI, Fondo Ambiente Italiano, comunica che mercoledì 3 febbraio 2021 Villa Necchi Campiglio riaprirà in massima sicurezza e nel rispetto di tutte le norme. Seguiranno giovedì Villa e Collezione Panza a Varese, Palazzina Appiani a Milano, il Negozio Olivetti in piazza San Marco a Venezia e l’Abbazia di San Fruttuoso a Camogli. Continueranno a essere regolarmente aperti Torre e Casa Campatelli a San Gimignano, la Baia di Ieranto a Massa Lubrense (NA) e Casa Noha a Matera. Gli altri Beni FAI in “zona gialla” rispetteranno il consueto calendario annuale e riapriranno a partire da sabato 6 marzo.

La prenotazione è consigliata e si può effettuare sulle pagine web dei singoli Beni. “Come previsto da una disposizione poco comprensibile se non inopportuna, le aperture – spiega il FAI – avverranno nei soli giorni feriali, così mortificando sia il servizio civico che un museo deve svolgere, sia il ritorno economico che gli incassi da biglietteria e le vendite al bookshop consentono soprattutto nei giorni festivi”.

Il lavoro del FAI durante il lockdown

Il lavoro all’interno dei Beni e dei giardini del FAI, pur chiusi per l’emergenza sanitaria, non si è fermato in questi mesi e i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria effettuati consentono ora di riaprire immediatamente in perfetta efficienza: una decisione che se da una parte ha sicuramente un elevato valore simbolico, dall’altra impone uno sforzo economico a cui rischia di non corrispondere un’effettiva sostenibilità se l’apertura non verrà estesa anche ai giorni festivi.

Se da un lato può essere comprensibile riattivare per gradi la vita culturale del Paese, è bene considerare che gli sforzi che siamo chiamati a compiere possono essere rischiosi. La riapertura nei soli giorni feriali è un ostacolo fortemente penalizzante: le visite del fine settimana, infatti, rappresentano ben oltre la metà degli ingressi totali. L’apertura nei fine settimana, nei limiti della lotta alla pandemia, è per la sopravvivenza stessa dei musei una necessità assoluta.

I Beni del FAI dal 2021 saranno, in linea di massima, visitati con la sola luce naturale e con temperature ragionate ma in ribasso rispetto a un tempo.

Al piano nobile di Villa Panza a Varese sarà finalmente visitabile la nuova stanza dedicata al grande collezionista che venti anni fa donò al FAI villa e collezione e nella quale viene proiettato il documentario “Panza: remember that name” realizzato da Alberto Saibene e Simone Pera , mentre nella Scuderia Grande saranno esposti, dopo 15 anni di assenza, i monumentali “Five Stable Paintings”, una grandiosa opera site specific realizzata nel 1995 da Phil Sims (Richmond, California 1940) proprio per la Scuderia della villa di Varese.

Le modalità per le visite

Per consentire al pubblico di visitare i Beni nella massima sicurezza, il FAI si è preoccupato di garantire il pieno rispetto dei principi del Governo. In tutti i Beni la visita sarà contingentata per numero di visitatori e, ove possibile, organizzata a “senso unico” per evitare eventuali incroci.

Le stanze più piccole e quelle che non permettono un percorso circolare saranno visibili solo affacciandosi; le porte saranno tenute aperte onde ridurre le superfici di contatto. Sarà d’obbligo indossare la mascherina per tutta la durata della visita. Saranno inoltre a disposizione dispenser con gel igienizzante sia in biglietteria che nei punti critici lungo il percorso.

Il giorno precedente l’appuntamento, i partecipanti riceveranno una mail con le indicazioni sulle modalità di accesso. Gli stessi materiali, saranno accessibili in loco su supporti digitali grazie a un QR Code scaricabile direttamente in biglietteria.

L’accesso alla biglietteria, al bookshop e ai locali di servizio sarà permesso a un visitatore o a un nucleo famigliare alla volta; nei negozi FAI i clienti dovranno indossare la mascherina, e saranno a disposizione guanti monouso, qualora fossero preferiti all’igienizzazione delle mani. Si invita inoltre a effettuare gli acquisti con carte di credito e bancomat, per ridurre lo scambio di carta tra personale e visitatori. L’accesso è vietato a chi abbia una temperatura corporea superiore a 37.5°.

About Simone Usai

Studente universitario presso Università di Cagliari, amante di libri e musica con passione per la ludica on the side.

Controlla anche

"L'Isola delle storie"

Libri: a Gavoi ritorna il festival “L’Isola delle Storie”

Get Widget Torna per la 17/a edizione il Festival letterario “L’Isola delle Storie”, in programma …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.