Alexa Unica Radio
topi1 n 2
topi1 n 2

Anemia falciforme esperimenti sui topi

La compagnia e una particolare dieta riducono il dolore nei topi

Secondo un interessante studio sui topi condotto da ricercatori dell’Università della California. Una particolare dieta arricchita e la compagnia possono ridurre maniera molto efficace il dolore dei soggetti che soffrono di anemia falciforme. Ciò avverrebbe, secondo i ricercatori, tramite un aumento naturale della serotonina. Inoltre, i ricercatori hanno scoperto anche che un antidepressivo che aumenta i livelli stessi di serotonina. Ossia la duloxetina, può rivelarsi particolarmente utile per trattare il dolore cronico al posto, per esempio, dei tanto abusati oppioidi.

Topi anemia, anemia falciforme

Come spiega Kalpna Gupta, l’autore principale dello studio, l’umore e particolari sensazioni di benessere possono in qualche modo fermare la percezione del dolore. E dato che buona parte del dolore è fatto perlopiù da percezione. Va da sé che il dolore stesso possa essere collegato all’umore e allo stato d’animo temporaneo del soggetto.
È ciò che dimostra lo studio apparso oggi su Scientific Reports dato che i ricercatori hanno scoperto. Tramite esperimenti sui topi, che i soggetti che passavano del tempo in un ambiente “felice” sperimentavano un livello minore di dolore derivante dall’anemia falciforme.

Topi e anemia falciforme : quattro settimane di esperimenti

Nel corso delle quattro settimane degli esperimenti. Il dolore derivante da questa malattia veniva ridotto nettamente per quei topi maschi. Che potevano contare sulla compagnia di topi femmine e che contemporaneamente potevano portare avanti una dieta ricca di proteine. Acidi grassi e amminoacidi, rispetto agli altri topi che non potevano contare sulla compagnia e che portarono avanti un altro tipo di dieta.
I due fattori (la compagnia e la dieta sopradescritta), infatti, causavano una maggiore produzione di serotonina nel cervello.

I ricercatori ne avevano una conferma anche quando somministravano duloxetina. Un farmaco antidepressivo che aumenta proprio la serotonina cerebrale, nei topi ottenendo gli stessi risultati in termini di riduzione del dolore.
Secondo i ricercatori eventuali esperimenti di questo genere. Condotti sugli esseri umani probabilmente produrrebbero risultati simili, cosa certamente positiva in quanto trovare alternative agli oppioidi. Che abbiano più o meno gli stessi risultati è certamente molto importante

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Barbara Nateri

Amante del cinema impegnato e del cult di genere, del cantautorato italiano come Fabrizio de André e Francesco Guccini, mi piace leggere romanzi di formazione di avventura e horror, amante dei gatti, del giornalismo, della cultura orientale e dell'avventura, mi piace viaggiare alla scoperta di luoghi folkloristici, indagare sulle tradizioni visive e musicali della mia terra e non solo.

Controlla anche

laser 11646 1280

I vetri di spin per semplificare i complessi problemi quotidiani

In un recente articolo pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences of the …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *