Janas
iusve

Indagine IUSVe su 3300 giovani italiani racconta stili di vita consapevoli

La ricerca fotografa le abitudini dei ragazzi da Nord a Sud. Due i campioni presi in considerazione: ragazzi tra i 14 e i 18 anni, giovani tra i 19 e i 29.

IUSVe giovani ambiente

I ragazzi e i giovani adulti italiani sembrano attenti agli stili di vita consapevoli. Questo è ciò che emerge da una ricerca dell’Istituto Universitario Salesiano di Venezia ha approfondito mediante una rilevazione campionaria affidata alla società Demetra. L’indagine s’inserisce nel progetto “Ecologia integrale e nuovi stili di vita”.

Sono stati raggiunti due campioni rappresentativi di giovani italiani: il primo ha coinvolto 1.821 ragazzi 14-18enni frequentanti la scuola secondaria di secondo grado, il secondo 1.523 giovani adulti 19-29enni.

I comportamenti quotidiani

Osservando i comportamenti quotidiani, ad esempio, si nota il legame tra i dati raccolti e la diversa fase di vita vissuta dai rispondenti.

Così, a esempio, dichiara di prestare “molta” attenzione al rispetto dell’ambiente nei comportamenti quotidiani il 23,6% dei 14-18enni (69,3% “abbastanza”), un dato che sale al 41,4% tra i 19-29enni (53,8% “abbastanza”). Nel merito di quanto si fa, poi, si tratta soprattutto di “raccolta differenziata dei rifiuti”, di “spegnimento della luce uscendo da una stanza”, “attenzione a non sprecare cibo” e di “risparmio dell’acqua”.

Sempre in tema di comportamenti quotidiani, una domanda riguardava anche la “dieta” attestata dai rispondenti in relazione al consumo di cibo biologico. Dichiara di consumarne “abbastanza” o “molto” il 56,6% degli adolescenti e il 53,4% dei giovani adulti: soprattutto “frutta” (29,7% vs. 34,4%) e “verdura” (25,6% vs. 30,9%).

Spostamenti

La fase di vita dei rispondenti si riflette chiaramente anche con riferimento al mezzo di trasporto più utilizzato per muoversi, a ulteriore conferma di una chiara prevalenza dei mezzi privati rispetto a quelli pubblici nel contesto italiano: se l’auto privata domina la distribuzione dei rispondenti 19-29enni (con il 36,8%), i più giovani segnalano soprattutto altre forme di mobilità; così, “a piedi” si muove il 23,7% dei quattordici-diciottenni e il 26,4% dei 19-29enni, con l’autobus il 15,1% dei primi e il 10,4% dei secondi. Il ruolo secondario del trasporto pubblico, però, è segnalato soprattutto dalle risposte che riguardano il treno, che non supera in ogni caso il 3,0% delle risposte.

Informazione sui temi ambientali

I comportamenti quotidiani appena ripresi sono legati anche a determinati orientamenti, che transitano in misura rilevante per i diversi mezzi di comunicazione oggi utilizzati dai giovani.

Il confronto tra 14-18enni e 19-29enni vede una quota sensibilmente più ampia di giovani adulti dichiarare d’informarsi sui temi ambientali: “molto” nel 21,8% e “abbastanza” per il 59,8% di questi, contro il 17,4% e il 45,1% dei primi. Tali differenze si confermano anche in relazione ai canali informativi utilizzati.

Osservando quanto essi siano diversificati o polarizzati, si riscontra come Internet sia dichiarato quale fonte informativa privilegiata dal 40,9% dei 19-29enni (contro il 27,7% dei quattordici-diciottenni), mentre tra i più giovani i social network raggiungono il 25,3% delle risposte, rispetto al 14,1% dei 19-29enni. Va inoltre notato come per entrambe i campioni la televisione osservi un ruolo tutt’altro che marginale, con il 30,7% delle risposte tra i 14-18enni e il 25,0% tra i 19-29enni.

A fronte di un dibattito pubblico sul ruolo del “sapere esperto”, che con il Covid 19 si è riacceso, si nota una convergenza pressoché univoca in merito ai pareri ritenuti più importanti sulle questioni ambientali. Gli “esperti” sono considerati centrali sia per gli adolescenti (81,5% di risposte) che per i giovani adulti (79,0%), con un rilievo prevedibilmente più marginale per figure di natura informale (come familiari, amici e conoscenti).

Le differenze tra le aree dello stivale

Tra i più giovani (14-18enni), si evidenzia un maggiore utilizzo dell’autobus nel Nord Est, che raggiunge il 31,9%, contro valori non superiori al 18,0% per tutte le altre aree. Per contro, i giovani adulti 19-29enni del Nord Est e quelli del Centro sono quelli che vedono il maggiore utilizzo dell’auto privata rispetto ai coetanei delle altre aree, rispettivamente con il 42,9% e il 46,1% delle risposte. Degna d’attenzione è la differenza che separa i 14-18enni del Nord Est rispetto ai coetanei delle altre macro-aree: mentre tra questi ultimi il consumo di cibo biologico è trasversalmente prossimo al 60,0% (“molto” + “abbastanza”), tale valore scende molto più in basso (fino al 43,6%) tra i primi. Simile differenza non si ritrova tra i giovani adulti, dove i dati di confronto con le altre macro aree territoriali sono molto più allineati.

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Fabio Allegra

Fabio Allegra
Studente di Scienze della Comunicazione presso l'Università di Cagliari. Non apprezzo il maestrale.

Controlla anche

indiana dunes state park 1848559 1280

Turismo: 9 milioni di italiani hanno scelto già una destinazione vacanza.

Turismo: la voglia di vacanza comincia a farsi sentire: sono quasi 9 i milioni di connazionali che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *