Alexa Unica Radio

Coldiretti, con le zone gialle l’80% degli italiani tornerà al bar e al ristorante

Nelle zone gialle la ristorazione al tavolo dalle 5 alle 18, asporto fino alle 22. Per i bar la chiusura alle 18 è “economicamente insostenibile”.

Bar zone gialle

Conto alla rovescia per il ritorno in ‘zona gialla’ di gran parte dell’Italia.  Secondo un’indagine della Coldiretti, l’80% degli italiani gusterà il caffè al bancone o pranzerà al tavolo nei ristoranti con le riaperture di bar, ristoranti, pizzerie e agriturismi. Un’opportunità per “il ritorno alla normalità di 47,8 milioni di italiani”, sottolinea l’associazione.

Le precisazioni di Coldiretti sulle aperture

“Nelle regioni in zona gialla, a minore criticità, – sottolinea la Coldiretti – le attività di ristorazione al tavolo sono consentite solo dalle ore 5,00 alle 18,00 con la possibilità della consegna a domicilio, nonché fino alle ore 22 della ristorazione con asporto. Nelle zone è invece consentita la sola la consegna a domicilio o l’asporto. Le limitazioni fino alle 18 per i bar riducono ulteriormente la sostenibilità economica”. Infatti “in molti preferiscono mantenere le serrande abbassate”.

“Lo stop and go delle ordinanze per le aperture e le limitazioni presenti [distrugge] la programmazione delle attività che si fondono su acquisto e vendita di prodotti deperibili”, tra l’altro.

Conseguenze delle chiusure anche sulla filiera agroalimentare 

Per Coldiretti le conseguenze sono a cascata. Ci saranno “disdette di ordini per le forniture di molti prodotti agroalimentari”, prevedono. “Dal vino all’olio, dalla carne al pesce, dalla frutta alla verdura ma anche su salumi e formaggi di alta qualità che trovano nel consumo fuori casa un importante mercato di sbocco”. “In alcuni settori come quello ittico e vitivinicolo la ristorazione rappresenta addirittura il principale canale di commercializzazione per fatturato”.

Le raccomandazioni di Coldiretti 

“Le limitazioni alle attività di impresa devono dunque prevedere un adeguato e immediato sostegno economico lungo tutta la filiera per salvare l’economia e l’occupazione”. Serve inoltre “una riflessione sulla possibilità di apertura serale dei ristoranti, anche alla luce delle importanti misure di sicurezza adottate”. Infatti, nelle attività sono previsti “il distanziamento dei posti a sedere (facilmente verificabile), il numero strettamente limitato e controllabile di accessi, la registrazione dei nominativi di ogni singolo cliente ammesso”.

About Fabio Allegra

Studente di Scienze della Comunicazione presso l'Università di Cagliari. Non apprezzo il maestrale.

Controlla anche

Viaggi esteri: Speranza firma ordinanza

Get Widget Dal 1 maggio via il Passenger Locator Form Il Ministro della Salute Roberto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.