Alexa Unica Radio
recital, senza memoria
tombstone 1735426 960 720

In diretta streaming il recital “Senza Memoria”

Domenica 31 gennaio alle 19.00, sulla pagina Facebook de “Il crogiuolo”, andrà in diretta streaming il recital “Senza Memoria – olocausti di ieri e di oggi”

Il recital “Senza Memoria – olocausti di ieri e di oggi” è ideato e interpretato da Gisella Vacca, accompagnata all’organetto da Pierpaolo Vacca. Lo spettacolo, che sarà trasmesso dalla Vetreria, celebra la Giornata della Memoria dedicando parole e canti a tutte le vittime di tutti i genocidi. Si potrà vedere il recital in diretta streaming sulla pagina Facebook “Il crogiulo“.

La celebrazione della memoria


La memoria celebrata della Shoah dovrebbe esigere il lungo termine; la commemorazione dello sterminio per antonomasia dovrebbe costringerci a riflettere quotidianamente su come sia facile dimenticare e smarrire elementi essenziali di umanità; la memoria precisamente di quell’Olocausto, quello, appunto, con la O maiuscola, dovrebbe insegnarci a tenere alta la guardia, perché la natura umana è fragilissima e facilmente manipolabile.


Il condizionale è l’unico modo verbale spendibile, purtroppo, dal momento che la Shoah non è servita, come non è servita la testimonianza degli innumerevoli genocidi che costellano come marchi del disonore la storia dell’umanità; la stessa storia che ci ricorda, col senno di poi, i motivi scatenanti dei massacri, riassumibili in brama di potere ed espansionismo.

La ricaduta è ciclica e infinito è l’elenco di esseri, di interi popoli e etnie trucidati e annientati per meri interessi economici maldestramente travestiti da necessari provvedimenti per la difesa della “razza” e della religione; scuse comunque insensate e inaccettabili.

In ricordo delle vittime

Acquietiamo la nostra coscienza ricordando le vittime a scadenze determinate; tra esse ci sono gli indios e i nativi americani, ci sono gli armeni e, ovviamente, tutti i perseguitati del nazi-fascismo che, insieme a milioni di ebrei, ha tramutato in cenere centinaia di migliaia di rom e sinti, disabili e malati di mente, omosessuali, dissidenti e, in generale, persone ai margini o non allineate.

Le commemorazioni periodiche, per quanto necessarie, non bastano. Il biasimo degli Stati e dei singoli individui dev’essere quotidiano e sostenuto da azioni decise e concrete. Soprattutto in questi ultimi anni, in cui assistiamo in diretta all’ennesimo massacro dei kurdi e dei palestinesi attraverso immagini strazianti che vediamo in ogni momento e non ci fanno quasi più orrore, perché ci abituano subdolamente all’intollerabile e ci traghettano inesorabilmente verso l’ignavia. È la “normalizzazione dell’abnorme” traslata all’esterno di noi stessi.

Questo recital ricorda il passato e il presente e ricorda più o meno tutti. In musica e in poesia, le tragedie sembrano più leggere ma la memoria permane a lungo termine nel conscio e nell’inconscio.

About Elena Mameli

Mi chiamo Elena, sono una ragazza di 22 anni e vivo a Sardara. Frequento l'indirizzo storico artistico della facoltà di beni culturali e spettacolo.

Controlla anche

Sardegna

Terre civiche in Sardegna: seminario in streaming

Il tema della valorizzazione delle terre civiche al centro di un seminario organizzato dal Dipartimento …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *