Janas
comuni, digitale

I Comuni verso la digitalizzazione e l’innovazione

Sono 7.246 i Comuni che hanno richiesto di accedere al Fondo per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione

Il Fondo è gestito dal ministro Paola Pisano per sostenere finanziariamente le amministrazioni nei processi di modernizzazione. Si tratta di un numero rilevante che rappresenta il 92% del totale dei Comuni che sono 7.904.


I Comuni italiani si avviano quindi verso la digitalizzazione, come prevede il decreto legge su “Semplificazione e innovazione digitale”. In questo modo si adotta l’identità digitale Spid e la Carta d’identità elettronica per consentire l’accesso ai servizi; inoltre bisogna integrare la piattaforma pagoPa per i pagamenti elettronici e avviare la migrazione dei servizi nell’applicazione IO. Quest’ultimo passo si realizza al fine di favorirne l’utilizzo anche da smartphone.


Le risorse messe a disposizione degli enti ammontano a 43 milioni su un totale di 50 milioni dell’intero Fondo. Inoltre quest’ultimo con l’ultima legge di bilancio è diventato strutturale.

Le quote, assegnate ai Comuni in base alla popolazione residente, verranno erogare in due tranche, dopo la verifica dello stato di avanzamento dei processi di digitalizzazione: la prima, pari al 20%, per le attività concluse entro il 28 febbraio 2021; la seconda, per il restante 80%, entro il 31 dicembre 2021 a verifica delle attività avvenute.


La maggioranza dei Comuni, esattamente 5.560, ha richiesto di accedere al Fondo aderendo all’Avviso Pubblico promosso dal Dipartimento per la Trasformazione digitale il 15 dicembre 2020 e gestito da PagoPa S.p.A, in convenzione con l’Agenzia per l’Italia digitale (AgID) e l’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato (Ipzs). Gli altri 1.686 Comuni hanno accesso al Fondo avendo aderito a specifici accordi regionali per la messa in atto dei processi.

I promotori del progetto

Le Regioni Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche, Molise, Puglia, Veneto e la Provincia Autonoma di Trento si sono fatte promotrici di iniziative per agevolare le amministrazioni comunali dei loro territori ad adottare ed integrare le piattaforme abilitanti Spid, pagoPa e AppIO.


Il ministro per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione Paola Pisano ha affermato: “E’ un buon risultato perché evidenzia una strategia comune di digitalizzazione delle Amministrazioni, sia centrali sia locali. I Comuni avviano o accelerano il processo di trasformazione digitale con l’obiettivo di fornire servizi digitalizzati e realmente semplici da utilizzare.

Il percorso è ancora lungo e non privo di ostacoli, ma lo stiamo percorrendo insieme a Regioni e Comuni in modo coeso. Continueremo ad investire sulla trasformazione dei servizi, a beneficio di cittadini e imprese.“

I Comuni aderenti

La maggior parte delle richieste di accesso al Fondo è giunta dai piccoli Comuni con popolazione inferiore ai 5.000 abitanti, un segnale della consapevolezza, ormai diffusa anche nelle realtà territoriali minori, dell’importanza di digitalizzare i servizi a cittadini e imprese.


Ma anche le città di maggiori dimensioni hanno chiesto di accedere alle risorse del Fondo. Quasi tutti i capoluoghi di Regione hanno aderito all’Avviso pubblico o agli accordi regionali. Tra i Comuni che hanno aderito all’Avviso pubblico figurano anche Procida, capitale italiana della cultura 2022, e Matera, capitale europea della cultura nel 2019.

About Elena Mameli

Elena Mameli
Mi chiamo Elena, sono una ragazza di 22 anni e vivo a Sardara. Frequento l'indirizzo storico artistico della facoltà di beni culturali e spettacolo.

Controlla anche

MioDottore: troppi italiani non riescono a disconnettersi

La piattaforma per la prenotazione online delle visite mediche ha reso noti i risultati di …