Janas
polizia stradale

Polstrada: in Sardegna nel 2020 controllate 60mila persone

Polstrada riporta anche un -40% di incidenti, frutto delle misure anti-Covid. Utilizzate più di 13.000 pattuglie di vigilanza

incidenti

Oltre 60mila persone controllate, quasi 28mila infrazioni al codice della strada elevate, rilevati 17 incidenti con 19 morti e 319 con 418 feriti. Sono alcuni dei numeri relativi al bilancio dell’attività svolta nel corso del 2020 dal Compartimento della polizia Stradale della Sardegna.

Con le limitazioni agli spostamenti e lo smart working, meno auto in circolazione e meno incidenti

Il 2020, a causa della pandemia di Coronavirus, ha visto una drastica riduzione della mobilità delle persone. Questo, al di là del chiaro effetto limitante delle libertà personali, ha avuto anche la naturale conseguenza (positiva) di un netto calo degli incidenti stradali.

“L’attività infortunistica – spiegano dal Compartimento della Polstrada – ha registrato un’importante riduzione del fenomeno rispetto allo stesso periodo dell’anno 2019 pari al 39,71%”. Nonostante il traffico ridotto i controlli non si sono fermati anche per far rispettare le norme entrate in vigore per frenare la diffusione del Covid-19. Dall’inizio della pandemia la Polizia Stradale nell’Isola si è impegnata nell’azione di controllo sul rispetto dei divieti di mobilità, attuando posti di controllo al fine di verificare la sussistenza delle situazioni eccezionali che legittimavano gli spostamenti ai sensi della normativa di emergenza da parte degli utenti.

I numeri dei reati stradali nel 2020

Nel corso dei controlli effettuati dalle più di 13.000 pattuglie di vigilanza, sono state complessivamente contestate 3.478 violazioni ai limiti di velocità e sono state ritirate 1.894 patenti e 1.565 carte di circolazione. Decurtati 51.573 punti. 805 le persone denunciate per guida in stato di ebbrezza e 23 sotto l’effetto di droghe. La polizia giudiziaria ha ricevuto denunce verso 242 persone, e ne ha arrestato cinque.

About Fabio Allegra

Fabio Allegra
Studente di Scienze della Comunicazione presso l'Università di Cagliari. Non apprezzo il maestrale.

Controlla anche

impronte, garante

Garante, no all’uso delle impronte digitali dei dipendenti se manca base normativa

Il Garante va contro l’utilizzo di un sistema di rilevazione delle presenze basato sul trattamento …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *