Janas
Schizofrenia: chi né soffre è più a rischio di Parkinson

Schizofrenia: chi né soffre è più a rischio di Parkinson

Le persone che soffrono già di un disturbo di schizofrenia, hanno un rischio maggiore di incorrere anche nella malattia di Parkinson  nel corso della vita.

È quanto riassume uno studio dei ricercatori dell’Università di Turku, Finlandia, condotto dal dottorando Tomi Kuusimäki sul collegamento tra schizzofrenia e Parkinson.

Secondo il ricercatore la causa dell’aumento del rischio di incorrere nel Parkinson sono i cambiamenti che avvengono nel sistema dopaminergico del cervello. Questi cambiamenti sarebbero a loro volta causati da antagonisti del recettore della dopamina oppure da effetti a livello neurobiologico prova di dalla stessa schizofrenia. Il ricercatore ha analizzato i dati di più di 25.000 pazienti affetti da Parkinson provenienti dalla Finlandia. I dati sono stati raccolti dal 1996 al 2019.

Il ricercatore si accorgeva che quei pazienti ai quali era stato diagnosticato un disturbo psicotico o dello spettro schizofrenico mostravano probabilità più grandi di soffrire anche di Parkinson. Secondo quanto afferma lo stesso Kuusimäki almeno prima di questo studio si credeva che il Parkinson e la schizofrenia accadessero raramente nella stessa persona in quanto si tratta di patologie collegate a cambiamenti considerati come opposti nel dopaminergico cerebrale. “Il nostro studio cambia questa concezione prevalente”, dichiara il ricercatore nel comunicato.

La malattia di Parkinson

La malattia di Parkinson, sovente definita come morbo di ParkinsonParkinsonparkinsonismo idiopaticoparkinsonismo primariosindrome ipocinetica rigida o paralisi agitante è una malattia neurodegenerativa. I sintomi motori tipici della condizione sono il risultato della morte delle cellule che sintetizzano e rilasciano la dopamina. Tali cellule si trovano nella substantia nigra, una regione del mesencefalo.

La causa che porta alla loro morte non si conosce. All’esordio della malattia i sintomi più evidenti sono legati al movimento, ed includono tremoririgiditàlentezza nei movimenti e difficoltà a camminare. In seguito possono insorgere problemi cognitivi e comportamentali, con la demenza che si verifica a volte nelle fasi avanzate, ad eccezione dei casi più precoci di demenza da corpi di Lewy, associati a prognosi più grave. La malattia di Parkinson è più comune negli anziani; la maggior parte dei casi si verifica dopo i 50 anni.

About Andrea Ennas

Andrea Ennas
Sono un giovane ventenne appassionato di sport, musica e cinema.

Controlla anche

Reinserimento, detenuti, laurea

Reinserimento dei detenuti nella società attraverso la laurea

Il centro Interuniversitario per la Ricerca Didattica delle Università di Sassari e Cagliari favorisce la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *