Janas
Una squadra di profiler contro il tumore dell’ovaio

Una squadra di profiler contro il tumore dell’ovaio

Prende corpo il progetto del gruppo MITO per costituire un Molecular Tumor Board virtuale dedicato alle neoplasie ginecologiche: 60 esperti a confronto per analizzare i dati genetici e molecolari integrandoli con la pratica clinica

Per una vera oncologia di precisione servono dei profiler, persone con competenze anche molto diverse che insieme inquadrino il tumore, integrando le conoscenze cliniche e anatomiche con le sue caratteristiche genetiche e molecolari. Per predire la prognosi, certo, ma soprattutto per disegnare una terapia su misura che dia le maggiori chance di sopravvivenza al paziente. Di queste squadre di profiler dei tumori, non ce ne sono molte in Italia per il momento. Ma qualcosa si sta muovendo. Lo dimostra il caso del gruppo MITO che si è lanciato nell’impresa di costituire un MTB unico nel suo genere nel nostro paese: un team multidisciplinare dedicato ai tumori ginecologici, virtuale, che si estende su tutto il territorio nazionale. La prima riunione è prevista per fine gennaio.

 

MTB in Italia

I Molecular Tumor Board sono una realtà ancora poco diffusa in Italia. Ne esistono solo una decina. Praticamente tutti hanno sede in grandi centri oncologici e ad oggi faticano a inserirsi in un network più ampio. Il lavoro dei professionisti che li compongono è quello di offrire una consulenza ai massimi livelli sui casi clinici. Alizzando in dettaglio tutte le caratteristiche del tumore di ciascun paziente in base alle conoscenze scientifiche più aggiornate. Punto chiave è l’integrazione di informazioni come il carico mutazionale e il profilo molecolare di una neoplasia nella pratica clinica: grazie al sequenziamento genomico di ultima generazione (NGS), per esempio, è possibile verificare se il tumore di un paziente presenta mutazioni specifiche per le quali esistono oggi farmaci mirati, o se il paziente è eleggibile per uno studio clinico. 

About Ludovica Ferrari

Ludovica Ferrari
Mi chiamo Ludovica Ferrari, sono una studentessa del terzo e ultimo anno di scienze della comunicazione, degli studi di Cagliari. Nel tempo libero mi occupo di salvare cani e gatti dalla strada e trovare loro una famiglia. Mi piace inoltre fare sport e ascoltare della buona musica.

Controlla anche

Mieloma multiplo: nuovo metodo per ridurre la diffusione delle cellule tumorali

Ad oggi questa malattia risulta incurabile, ma la ricerca a riguardo è sempre attiva, e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *