Janas
Gimbe: in Sardegna peggiora il rapporto positivi/test

Gimbe: in Sardegna peggiora il rapporto positivi/test

Gimbe: in Sardegna peggiora il rapporto tra positivi/test. Il report sulla settimana dal 6 al 12 gennaio. Mille casi ogni cento mila abitanti.

Per la seconda settimana consecutiva in Sardegna tutti gli indicatori sull’emergenza Covid sono in peggioramento. Una situazione che accomuna l’Isola alla regione della Valle d’Aosta per quanto riguarda il periodo 6-12 gennaio.

Lo rileva la Fondazione Gimbe nel consueto monitoraggio settimanale sull’evoluzione della diffusione del virus.

In Sardegna si contano 1.062 casi attualmente positivi per 100.000 abitanti con un incremento pari al 6,7%, mentre sono 903 i casi testati per 100.000 abitanti con un rapporto tra positivi e test che arriva al 14,6%. Va meglio sul fronte degli ospedali, dove la pressione dei posti Covid è sotto il livello di saturazione: 25% in terapia intensiva rispetto alla soglia critica del 30% (anche se nell’ultimo report dell’Agenas aggiornato a ieri il dato è del 26%) e 31% in area medica con il tetto fissato al 40%.

“I dati – afferma Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe – confermano la lenta risalita dei nuovi casi settimanali. A quasi un anno dallo scoppio della pandemia nel nostro Paese – aggiunge – non possiamo più permetterci di inseguire affannosamente il virus”.

La Fondazione

La Fondazione GIMBE, che non ha fini di lucro, ha lo scopo di favorire la diffusione e l’applicazione delle migliori evidenze scientifiche con attività indipendenti di ricerca, formazione e informazione scientifica, al fine di migliorare la salute delle persone e di contribuire alla sostenibilità di un servizio sanitario pubblico, equo e universalistico.

About Andrea Ennas

Andrea Ennas
Sono un giovane ventenne appassionato di sport, musica e cinema.

Controlla anche

graduation 1449488 1920

Istat: sale livello istruzione ma ancora troppe poche lauree

  Livello di occupazione in aumento in Sardegna. La forza lavoro, dai 15 anni in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *