Unica Radio Skill Alexa

AIAM si attiva per la sana ripartenza della musica dal vivo

Le 108 Associazioni Musicali di AIAM scendono in campo in tutto il paese per una sana ripartenza della musica dal vivo a fianco di AGIS

Roma – Il Presidente di AIAM Francescantonio Pollice conferma che le 108 associazioni musicali rappresentate inizieranno da oggi una capillare attività in tutt’Italia. L’AIAM promuove la cultura musicale nel nostro paese, di essa fanno parte le istituzioni più rappresentative del settore musicale. Quest’attività servirà per sensibilizzare le loro migliaia di abbonati, associazioni e scuole con cui collaborano da decenni su tutto il territorio italiano, dalle piccole realtà di provincia alle grandi città, a supporto dell’appello lanciato dal Presidente dell’AGIS Carlo Fontana, per chiedere al governo “una sana ripartenza” della musica dal vivo.


Le sale da concerto e i teatri italiani, dopo aver recepito le disposizioni governative, sono tra i luoghi che possono garantire le distanze di sicurezza. Il pubblico ha dimostrato di avere fiducia in una sana ripartenza, tanto da partecipare alle manifestazioni del 30 Ottobre scorso convocate dai sindacati. 


È importante ricordare che le istituzioni musicali offrono al pubblico un insostituibile servizio per l’anima, perché musica e cultura sono sollievo e identità culturale per tutti i cittadini, ma anche un prezioso aiuto nel mantenimento di un’offerta culturale e intellettuale degna di una società pensante, consapevole, informata e coesa.
In questa situazione un gran numero di lavoratori in questo settore, artisti e operatori, sono ormai senza lavoro. Eppure ora come non mai il pubblico ha bisogno di musica e cultura per nutrire l’anima. 

Di seguito il link alla petizione AIAM: http://chng.it/dyxtd6gq

About Simone Usai

Simone Usai
Studente universitario presso Università di Cagliari, amante di libri e musica con passione per la ludica on the side.

Controlla anche

tiktok

Addio alle baby star. TikTok cambia le regole

Non sarà più possibile vedere i video dei profili di chi ha meno di 16 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *