Unica Radio Skill Alexa
LA colonna sonora

La colonna sonora di Deinas diventa un album musicale

La colonna sonora di “Deinas – Quadri della Sardegna pagana” diventa un album. Otto brani di Veloce e Spiga. Per il nuovo spettacolo del Crogiuolo.

Esce l’album della colonna sonora di “Deinas – Quadri della Sardegna pagana”, lo spettacolo della compagnia Il Crogiuolo. Scritto e diretto da Rita Atzeni, ancora in divenire tra i nuraghi e i reperti archelogici che prestano la scena all’azione secondo i tempi dettati dalle imposizioni anti-Covid.

Otto brani composti e suonati da Stellan Veloce e Makika (Carlo Spiga). Con la partecipazione anche di Clara Murtas. Registrati tra Sardegna, Roma e Berlino negli scorsi mesi. Seguendo le indicazioni e i passaggi della sceneggiatura dello spettacolo, i brani sono il frutto di un lavoro di ricongiunzione tra la musica tradizionale sarda e le diverse esperienze musicali di Veloce e Spiga. Fatte di bordoni oscuri e rumorosi, suoni ambientali ed esperimenti elettroacustici. Un intreccio dinamico da cui nascono canzoni vere e proprie, come nella ballata frammentaria S’opu, riadattamento di un antico canto di lavoro.

Entrambi i musicisti, per ereditarietà o affinità, hanno una connessione personale con il repertorio e gli strumenti popolari. Le voci, i suoni di launeddas e le chitarre fluiscono tra synths e drum machines, come nel Ballu (dighiridah) o nell’Atitu, convivendo con i Mutetus cantati all’aperto, accompagnati solo dal suono delle cicale. La voce protagonista della maggior parte dei brani è quella di Clara Murtas, interprete di riferimento della musica popolare sarda.

Il suo lavoro di rivisitazione, per esempio con il Canzoniere del Lazio, ha di sicuro ispirato la concezione di questo lavoro. Rita Atzeri, ideatrice dell’intero progetto finanziato dalla Regione e Fondazione di Sardegna, è presente in un cameo nel primo brano nell’album. Il disco può essere acquistato, sia nel formato digitale che come compact disc. Inviando una mail a Il crogiuolo ([email protected]). O, a breve, accedendo al sito del progetto M.D.A. – Lab MigrAzioniD’Arte – Intrecci tra culture nel teatro di domani, all’indirizzo: http://mda-lab.com.

 

About Francesca Pinna

Francesca Pinna
Amo il mare, la tradizione, il cibo: la mia terra, la Sardegna. Quindi da ciò potreste dedurre che amo osservare i bei tramonti, godermi la tranquillità che regna in questa regione, e mangiare. Ma a parte ciò, sono una persona che ama imparare, per migliorarmi ogni giorno sempre di più. Perché un bel giorno voglio girarmi, guardarmi dietro le spalle e poter dire: «Sì, hai raggiunto un bel traguardo e ne hai fatto di strada!»

Controlla anche

Un viaggio tra i ricordi in Sardegna, su Prime Video

Un viaggio tra i ricordi in Sardegna, su Prime Video con “Bicibicitalia” gli attori Federico …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *