Alexa Unica Radio
Garibaldi

Garibaldi: così crollò il Regno delle Due Sicilie

Nel 160esimo anniversario l’impresa dei Mille viene per la prima volta raccontata da entrambi i lati della barricata. A testi divenuti ormai classici si contrappone il resoconto pressoché sconosciuto, Un viaggio da Boccadifalco a Gaeta, di Giuseppe Buttà. Il racconto di Garibaldi.

Nato a Naro, provincia di Messina, nel 1826, borbonico fino al midollo, nemico giurato del liberalismo, Buttà era il cappellano del IX battaglioni cacciatori di Francesco II. A cui resterà, inoltre, fedele fino all’ultimo giorno. Da quell’osservatorio privilegiato Buttà visse in prima linea gli episodi cruciali, che condussero alla dissoluzione del Regno con Garibaldi.

Dalle strade di Palermo alla mischia selvaggia di Milazzo, dagli intrighi di Napoli alla giornata decisiva sul Volturno, Buttà ha scritto la contro cronaca della vicenda più determinante del Risorgimento. Ovvero quella che dette uno Stato ai Savoia. In essa Garibaldi e i Mille rappresentarono la spinta conclusiva, che niente però avrebbe ottenuto senza la corruzione e il tradimento per i troppi errori del governo borbonico. E per i tanti denari profusi da Cavour.

Mille aneddoti e altrettanti pettegolezzi spiegano dall’interno la dissoluzione in sei soli mesi di quel Regno delle Due Sicilie. E che sulla carta appariva la principale potenza della Penisola. Un esempio, appunto, su tutti: la dimostrazione che a Calatafimi la superiorità numerica fu dei garibaldini. Quindi, dall’inizio alla fine. E che si trattò di una rissa più che di una battaglia.

imgpress

About Francesca Pinna

Amo il mare, la tradizione, il cibo: la mia terra, la Sardegna. Quindi da ciò potreste dedurre che amo osservare i bei tramonti, godermi la tranquillità che regna in questa regione, e mangiare. Ma a parte ciò, sono una persona che ama imparare, per migliorarmi ogni giorno sempre di più. Perché un bel giorno voglio girarmi, guardarmi dietro le spalle e poter dire: «Sì, hai raggiunto un bel traguardo e ne hai fatto di strada!»

Controlla anche

Italia bocciata in sostenibilità

Get WidgetSostenibilità: con la pandemia l’Italia ha perso posizioni in Europa. A dirlo è uno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.