Alexa Unica Radio
Vitamina D

Vitamina D nella prevenzione e nel trattamento del Covid-19

Abbiamo iniziato a parlare dei benefici che potrebbe avere la vitamina D sui pazienti con CoViD-19 perché esistono dati a favore di un possibile effetto della vitamina D sullo sviluppo di infezioni respiratorie. Si tratterebbe, in particolare, di un’azione protettiva della forma di vitamina D che viene prodotta dalla cute per esposizione al sole. É, però, un contributo preliminare.

Anche voci accademiche sostengono la causa della vitamina D nella lotta alla CoViD-19. Alcune di queste sono basate su una azione di stimolo sulla risposta immunitaria, ma i risultati sono in realtà contrastanti. Altre, invece, basate su un suo ipotetico effetto antivirale e su una generica azione protettiva sulle infezioni respiratorie. L’ipotesi più recente, infine, arriva ad attribuire alla carenza di questa vitamina la più elevata mortalità da CoViD-19 nell’Italia del Nord, soprattutto in Lombardia. In questo caso occorre fare attenzione a non scambiare l’effetto per la causa. Ma l’orientamento attuale è di ritenere la carenza di vitamina D più come conseguenza della malattia e che non causa della situazione compromessa.

Nuove evidenze

Anche se sono necessari ulteriori studi controllati, la vitamina D sembra più efficace contro il COVID-19 (sia per la velocità di negativizzazione, sia per l’evoluzione benigna della malattia in caso di infezione) se somministrata con obiettivi di prevenzione, soprattutto nei soggetti anziani, fragili e istituzionalizzati.

Nonostante questi ed altri dati, l’impiego della vitamina nella prevenzione e nella terapia del COVID-19 non è stato preso in considerazione. Con la giustificazione dell’assenza di un’evidenza scientifica sufficiente.

Gran Bretagna invece, e prima ancora Scozia, con disposizione governativa, hanno recentemente disposto la supplementazione di vitamina D a 2,7 milioni di soggetti a rischio di COVID-19 (gli anziani, la popolazione di colore e i residenti nelle RSA). Con un’operazione che alla Camera dei Comuni definita “a basso costo e zero rischi”. Ne è seguito un vivace dibattito scientifico.

In conclusione, anche se l’utilità di questo metodo non è ancora del tutto ben definita, riteniamo che i dati che abbiamo sinteticamente riportato, suggeriscano un serio approfondimento in materia.

Con l’attivazione di uno studio clinico promosso e supportato dallo Stato, sull’efficacia terapeutica, a pazienti sintomatici.

Con la somministrazione preventiva di Colecalciferolo orale a soggetti a rischio di contagio. Segnaliamo che in questo ambito l’utilizzo della vitamina D che, anche ad alte dosi, non presenta sostanziali effetti collaterali, è comunque utile per correggere una situazione di specifica carenza generale della popolazione. Soprattutto nel periodo invernale, indipendentemente dal Coronavirus.

https://www.unicaradio.it/2021/01/vaccinazioni-la-sardegna-arranca/

About Melania Vinci

Mi chiamo Melania Vinci, sono una studentessa di Lingue e Comunicazione dell'Università di Cagliari. Interessata al giornalismo fin dal liceo, facevo parte della redazione del giornale del mio istituto. Sono molto appassionata anche di cinema, musica e ho un amore folle per i viaggi e tutto ciò che è scambio culturale.

Controlla anche

Festa di Sant'Efisio

Sant’Efisio: in migliaia a Cagliari per il santo guerriero

Get Widget La festa torna in presenza dopo il Covid Grande partecipazione per la 366esima …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.