Alexa Unica Radio
Scorie nucleari

Scorie nucleari in Sardegna: la sindaca di Guasila si oppone

Deposito di scorie nucleari in Sardegna. La sindaca di Guasila si oppone: “La regione insieme ai sindaci siano uniti in questa battaglia per l’isola.”

Guasila, 5 gennaio 2021. “Questa mattina ho appreso che parte del territorio comunale di Guasila è stato identificato tra quelli idonei a ospitare di rifiuti radioattivi italiani. Non è il solo, visto che le aree candidate sarebbero ben 67.” A dirlo è la sindaca di Gusila Paola Casula, che è intervenuta per ricordare che “il Consiglio Comunale di Guasila già nel 2017 dichiarò denuclearizzato il proprio territorio comunale. E si opponeva all’individuazione della Sardegna come deposito nazionale per i rifiuti radioattivi. Il popolo sardo si era, inoltre, già espresso dicendo NO alle scorie con il Referendum del 2011. Così come ha fatto la politica sarda in diverse e altre occasioni. Sempre per ciò che concerne il solo territorio di Guasila, la sottrazione di 241 ettari all’agricoltura comporterebbe per un paese a vocazione agricola un grosso danno economico. Oltre all’elevato rischio relativo alla salute.”

Fronte comune e compatto per la battaglia isolana. Sottolineando, inoltre, l’inopportunità di affrontare un tema così delicato nel bel mezzo di una pandemia che non dà tregua. La sindaca ha deciso di convocare non solo un consiglio comunale a Guasila, ma anche l’assemblea dell’Unione dei Comuni della Trexenta. Dato anche il coinvolgimento di Ortacesus e Siurgus Donigala.

La prima cittadina chiede alla Regione Sardegna di prendere in mano la situazione, e insieme a tutti i sindaci dell’isola, di garantire compatezza. E un fronte comune per una battaglia che riguarda il benessere di tutta la Sardegna e i sardi.

La posizione dell’ANCI Sardegna

“Come Anci – ha proseguito Casula, rappresentante regionale e nazionale – presentammo sempre nel 2017 osservazioni dichiarando la totale contrarietà alla localizzazione in Sardegna, regione peraltro insulare, di depositi radioattivi. Aspetteremo di avere documenti ufficiali, ancora non pervenuti, ma continueremo la nostra battaglia nell’opporci a qualunque possibilità di stoccaggio in Sardegna di scorie radioattive. Ricordando anche che la nostra terra non ospita neanche un centro di produzione scorie.
Ribadisco che serve un fronte comune dei Sindaci e delle Sindache dei paesi coinvolti, delle loro popolazioni, insieme alla Regione Sardegna, perché questa è una battaglia di tutto il popolo sardo.”

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Francesca Pinna

Amo il mare, la tradizione, il cibo: la mia terra, la Sardegna. Quindi da ciò potreste dedurre che amo osservare i bei tramonti, godermi la tranquillità che regna in questa regione, e mangiare. Ma a parte ciò, sono una persona che ama imparare, per migliorarmi ogni giorno sempre di più. Perché un bel giorno voglio girarmi, guardarmi dietro le spalle e poter dire: «Sì, hai raggiunto un bel traguardo e ne hai fatto di strada!»

Controlla anche

gay 1453594 640 1 2

Cagliari boccia Carta su discriminazioni sessuali, è bufera

Non passa in aula a Cagliari la Carta etica contro le discriminazioni sessuali. Non passa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *