Alexa Unica Radio
Lirico Cagliari

Lirico Cagliari: un brindisi a ritmo di danza

Concerto di fine anno al Teatro Lirico Cagliari con popolarissimi valzer e ouverture.

Un “Concerto di fine anno” brioso e allegro per un brindisi in musica, lasciarsi alle spalle un 2020 difficile e salutare il 2021. Dal palco del Teatro Lirico di Cagliari è stato trasmesso ieri sera su Videolina. E sui canali web del gruppo Unione Sarda.

La musica trionfa in un finale in bellezza, in una sala vuota, in attesa che si riaprano al pubblico le porte dei teatri. La tradizione mitteleuropea di celebrare l’inizio di un nuovo anno affidandosi al ritmo della danza si è rinnovata ieri sera dunque in un Lirico a porte chiuse. Con un unico simbolico spettatore: il sovrintendente Nicola Colabianchi.

Sul podio a guidare Coro e Orchestra nell’esecuzione di celebri brani sinfonici, famose pagine corali, popolarissimi valzer e ouverture, Frédéric Chaslin, l’apprezzato direttore, compositore e pianista francese, al suo debutto sul palco di via Sant’Alenixedda.

Fortemente suggestivo il Capriccio Spagnolo di Rimskij-Korsakov, con le sue seducenti note. Non veniva eseguito da quasi trent’anni dall’Orchestra del Lirico. L’ultima volta è stato nel 1992. A dare il La alla serata è stata l’irresistibile ouverture della “Leichte Kavallerie” di Franz von Suppé.

Dopo Il Principe Igor: Danze polovesiane di Aleksandr Borodin, il Concerto di fine anno si chiude con tre delle più celebri pagine composte da Johann Strauss figlio. Sul bel Danubio blu, il valzer più famoso di tutti i tempi scritto nel 1866; l’Ouverture celeberrima dell’altrettanto celebre operetta Il pipistrello. E la Marcia d’ingresso dall’operetta Lo zingaro barone, che vide la luce nel 1885 sempre al Theater an der Wien di Vienna.

Un pubblico sempre vicino

“Al termine di questo scintillante ‘Concerto di fine anno’, l’inchino di ringraziamento è rivolto da parte di tutti noi al nostro caro, affezionatissimo pubblico. Anche in questo anno così difficile, ci è stato sempre vicino, spronandoci a dare il meglio in ogni frangente.”, si legge nella pagina Facebook ufficiale del Teatro Lirico.

https://www.ansa.it/

About Francesca Pinna

Amo il mare, la tradizione, il cibo: la mia terra, la Sardegna. Quindi da ciò potreste dedurre che amo osservare i bei tramonti, godermi la tranquillità che regna in questa regione, e mangiare. Ma a parte ciò, sono una persona che ama imparare, per migliorarmi ogni giorno sempre di più. Perché un bel giorno voglio girarmi, guardarmi dietro le spalle e poter dire: «Sì, hai raggiunto un bel traguardo e ne hai fatto di strada!»

Controlla anche

TheWalle phStefanoScheda 1

Autunno danza presso il Teatro Massimo e Sa Manifattura

26 EDIZIONE La ventisettesima edizione del festival di danza contemporanea e arti performative Autunno Danza …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *