Alexa Unica Radio
Scuola

Scuola, Viminale: ripresa il 7 gennaio al 50%

Si torna tra i banchi, ma solo al 50%. La ripresa in data del 7 gennaio sarebbe certa, o quasi, in tutta Italia. “I prefetti – ha spiegato lo stesso Ministero dell’Interno in una nota – hanno tenuto conto anche dell’ordinanza del ministro della Salute del 24 dicembre 2020 che dal  7 al15 gennaio riduce la presenza in classe al 50%”.

Si è detta molto soddisfatta per il “risultato raggiunto” la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina. “In pochi giorni – ha spiegato – i tavoli guidati dai prefetti hanno permesso di elaborare misure specifiche, territorio per territorio, e subito operative. Un lavoro di squadra di cui andare fieri. Nell’unico interesse di studentesse e studenti”.

“Saremo pronti per la ripresa il 7 gennaio”

Ha detto invece la ministra dei Trasporti, Paola De Micheli, in vista della riapertura delle scuole.  “L’impegno di tutti è stato massimo e di questo ringrazio molto i prefetti – si legge in una nota -. Grazie a questo coordinamento la scuola riaprirà più sicura con più mezzi del trasporto locale e una riorganizzazione degli orari. Chiuderla è stata tra le scelte più sofferte affrontate dal Governo, il lavoro di tutti e la collaborazione istituzionale ci consentirà di riaprirla”.

Il ministro per gli Affari regionali e autonomie, Francesco Boccia, ha sottolineato “la priorità del governo per la riapertura della scuola dal 7 gennaio anche gli studenti delle scuole secondarie. In queste settimane – ha aggiunto – su tutti i territori regionali è stato fatto un lavoro incessante di raccordo dei diversi livelli istituzionali per garantire tutti i servizi pubblici, a partire dalla sicurezza sanitaria“. Con Regioni, Comuni e Province “è stato fatto un eccellente lavoro di coordinamento dai prefetti e oggi i piani operativi sono pronti per essere attuati. La scuola – ha proseguito Boccia – è una responsabilità collettiva, una sfida che vinciamo se accompagnata da una continua leale collaborazione tra tutti i livelli istituzionali”.

Dal viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, arriva un avvertimento. “Siamo pronti a riaprire le scuole, ma con azioni chirurgiche in caso di contagi fuori controllo. Così come se ci saranno focolai ben definiti sarà necessario fare passi indietro, ovvero aperture e chiusure ‘stop and go’”.

https://www.unicaradio.it/2020/12/nuove-tecnologie-per-sanificare-la-scuola/

https://www.ilsole24ore.com/art/scuola-i-presidi-difficile-rientro-7-gennaio-ministero-didattica-presenza-50percento-impegno-non-derogabile-ADnheiAB

About Melania Vinci

Mi chiamo Melania Vinci, sono una studentessa di Lingue e Comunicazione dell'Università di Cagliari. Interessata al giornalismo fin dal liceo, facevo parte della redazione del giornale del mio istituto. Sono molto appassionata anche di cinema, musica e ho un amore folle per i viaggi e tutto ciò che è scambio culturale.

Controlla anche

house 1836070 1920

Casa: mercato in ripresa nei primi tre mesi nell’Isola

Get Widget Compravendite riguardo la casa a +18%, arrancano gli affitti Mercato immobiliare in Sardegna …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.