Janas
Sardegna a rischio Alto

Sardegna a rischio Alto per bassa completezza dati

Monitoraggio Iss: nessun automatismo per inasprimento misure. Sardegna a rischio Alto.

La Sardegna ha una classificazione del rischio ‘Non Valutabile’ che è equiparato a rischio “Alto”. Ciò data la bassa percentuale di completezza dei dati. Lo evidenzia il monitoraggio settimanale del ministero della Salute e l’Istituto superiore di sanità.

Una classificazione tecnica, già adottata nelle scorse settimane sempre per la Sardegna, ma anche per altre regioni sulla base di un mancato allineamento dei dati. E che non comporta un automatismo che faccia scattare la “zona rossa” con il conseguente inasprimento delle misure di contenimento del virus. Bisognerà integrare i dati, che rispetto alla bozza del report dell’Iss riguardano solo due parametri, prima di prendere qualsiasi decisione.

Come riporta l’Ansa Sardegna, prima di prendere qualsiasi decisione di inasprimento delle misure, bisognerà, quindi, attendere di recuperare e integrare i dati precedenti. Tutto ciò perché è presente una bassa percentuale di completezza dei dati. Il monitoraggio dell’ISS, effettuato ogni settimana, pone alla nostra Regione, insieme ad altre d’Italia, questa denominazione data appunto dal fatto che i dati non sono allineati e completi.

https://www.ansa.it/
   

 

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Francesca Pinna

Francesca Pinna
Amo il mare, la tradizione, il cibo: la mia terra, la Sardegna. Quindi da ciò potreste dedurre che amo osservare i bei tramonti, godermi la tranquillità che regna in questa regione, e mangiare. Ma a parte ciò, sono una persona che ama imparare, per migliorarmi ogni giorno sempre di più. Perché un bel giorno voglio girarmi, guardarmi dietro le spalle e poter dire: «Sì, hai raggiunto un bel traguardo e ne hai fatto di strada!»

Controlla anche

1. The Consequences min

Femminicidio: il Teatro Massimo ospita la mostra “The Consequences”

Il Teatro Massimo ospita la mostra fotografica “The Consequences” di Stefania Prandi, sulle conseguenze del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *