Alexa Unica Radio
il tempo delle mele

Il tempo delle mele ha compiuto 40 anni

Il Tempo delle Mele usciva il 17 dicembre del 1980. Ecco perché ancora oggi il film con Sophie Marceau è attuale e da (ri)vedere

Era il 17 dicembre 1980 quando Il Tempo delle Mele uscì nelle sale cinematografiche in Francia per diventare in breve quel film generazionale associato per sempre all’immagine dell’adolescente Vic, la ragazzina interpretata dall’attrice francese Sophie Marceau.

Merito anche dell’ormai iconica scena in cui Mathieu, durante una festa in casa, infila le cuffiette del walkman a Vic (per la generazione Z: il walkman era un aggeggio in cui inserire cassette a nastro magnetico in cui era incisa della musica, incredibile, vero?) e, nel caotico vociare e tentativi di baci degli altri quattordicenni, si espande il leitmotiv del film sulle note dello sdolcinato brano Reality: ”Dreams are my reality, A different kind of reality, I dream of loving in the night…”. La colonna sonora perfetta per idealizzare i primi innamoramenti scambiati per il grande amore della vita, tra compiti in classe e gli immancabili litigi con i genitori.

LA TRAMA DEL FILM: LA BOUM

Vic ha da poco iniziato il liceo e qui conosce Penelope che diventerà la sua migliore amica. Le due ragazze fanno di tutto per essere invitate alla festa di Raoul ed è lì che inizierà la storia d’amore tra Vic e Mathieu. Parallelamente c’è la crisi matrimoniale dei genitori della ragazza. Il padre, François Berreton, ha una tresca con una profumiera (nel senso di proprietaria di un negozio di profumi, ma non solo in questi termini) e si ritrova ad inscenare un finto incidente d’auto per nascondere un’uscita serale. Costretto quindi a girare per casa con il gesso sembra riuscire a farla franca.

Ma il senso di colpa verso la moglie lo porta a confessare le sue azioni extraconiugali nella speranza di essere perdonato e ritrovare la serenità familiare. Anche Vic, dopo la fase dell’innamoramento, è costretta ad agire per il bene della sua relazione: sembra che Mathieu voglia stare con un’altra con più esperienza di lei. I temi del film spaziano così dal primo amore agli strusciamenti (vedi la scena al cinema ai limiti del pudore per un film per “famiglie”) e le prime voglie.

About Ludovica Ferrari

Mi chiamo Ludovica Ferrari, sono una studentessa del terzo e ultimo anno di scienze della comunicazione, degli studi di Cagliari. Nel tempo libero mi occupo di salvare cani e gatti dalla strada e trovare loro una famiglia. Mi piace inoltre fare sport e ascoltare della buona musica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *