Alexa Unica Radio
vaccino

Vaccinazione covid: obbligo o convinzione?

Vaccinazione per obbligo o convinzione? La seconda ipotesi è migliore, ma ci sono resistenze alla vaccinarsi: problema personale sanitario.

Facciamo un esempio. Un cittadino si ricovera in ospedale per una patologia e il medico curante non vaccinato è portatore di virus. Si corre il rischio di infettare il paziente e provocarne la morte. Per converso, il cittadino potrebbe rifiutare le cure del medico ospedaliero non vaccinato. Chi curerà il paziente se il personale sanitario non è vaccinato? Altro esempio riguarda le residenze per anziani (RSA). Chi si prenderà cura degli anziani se il personale sanitario non vaccinato è portatore di virus? Sappiamo che è proprio l’anziano a essere maggiormente in pericolo di infezione e morte, stante l’età. Si pone il problema: dove finisce il diritto alla libertà di scelta di non vaccinarsi del personale sanitario e dove inizia il diritto alla salute e alla vita del cittadino, paziente o anziano che sia?   

Ricciardi: obbligo morale e professionale

Per gli operatori sanitari “occorre perseguire la strada dell’obbligo morale e professionale” alla vaccinazione anti-Covid. Inoltre, “se non funziona” bisogna “procedere con l’obbligo se vogliono lavorare a contatto con i pazienti”. Lo dichiara all’Adnkronos Salute Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute per l’emergenza coronavirus – anche  professore di Igiene all’Università Cattolica – tornando sulla questione dell’obbligo o meno per medici e infermieri di vaccinarsi contro Sars-CoV-2

About Anna Maria Nurra

Frequento il corso magistrale in filosofia e teorie della comunicazione Appassionata di musica e fotografia. Affascinata dall'uso della voce nel canto, nel doppiaggio cinematografico e in ambito radiofonico.

Controlla anche

Rapporto FAO

Rapporto annuale Fao-Programma alimentare

Get Widget “la popolazione in crisi alimentare è quasi raddoppiata tra il 2016 e 2021” …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.