Alexa Unica Radio
SEO

SEO – I fattori di ranking per posizionarsi su Google 

 

La SEO, ossia lo studio delle tecniche per il posizionamento di determinate pagine web sui motori di ricerca, in particolare su Google, si evolve di anno in anno.

L’algoritmo che viene utilizzato per rispondere alle domande degli utenti è sconosciuto, nessuno lo conosce nello specifico.

Nonostante ciò, attraverso lo studio e le risposte rilevate da parte del motore di ricerca, rispetto a specifiche azioni, è possibile interpretarlo al fine di migliorare il posizionamento delle pagine web per determinate parole chiave e query digitate dagli utenti.

L’interpretazione delle azioni che influenzano la scelta dei contenuti da inserire all’interno delle varie SERP da parte di Google, è raccolta in una serie di fattori che prendono il nome di Ranking Factors. I fattori SEO o di ranking possono influenzare in modo determinante il posizionamento di un sito nelle SERP di Google. Ma quali sono gli elementi SEO da considerare al fine di migliorare la visibilità di un sito web? Vediamoli insieme.

Fattori di ranking: cosa sono?

I fattori di ranking dunque sono un insieme di parametri da considerare, in quanto unitamente all’algoritmo di calcolo definiscono quale sia la pagina web più rispondente alla ricerca effettuata dall’utente sul motore di ricerca.

In ambito SEO sfruttando questi parametri, si può agevolare il posizionamento per una specifica keyword o query, ma non solo. Infatti, è possibile anche andare a lavorare sul posizionamento in SERP geolocalizzate, locali, nazionali o internazionali, a seconda degli obiettivi del proprio business.

Quali sono i fattori SEO più importanti da considerare

Si stimano all’incirca duecento fattori di ranking, ognuno di questi ha un’influenza specifica sull’algoritmo di calcolo che decide e posiziona le pagine di un sito web all’interno delle SERP di Google. Ma quali sono i fattori più rilevanti?

I primi fattori da considerare sono quelli legati al dominio, anche se con l’andare del tempo alcuni di questi hanno avuto sempre meno importanza, ma rimangono tra i 200 parametri da prendere in considerazione.

Il primo è l’anzianità del dominio che aumenta il trust del progetto, anche il nome del dominio (seppur in minima parte) se contenente una parola chiave importante per il business, può aiutare leggermente il posizionamento. Infine, secondo gli esperti, Google apprezza i domini registrati con una durata più ampia rispetto a quelli con semplice rinnovo annuale. I fattori di dominio sono comunque meno influenti rispetto ad altri.

Fattori On-Page, questi sono molto importanti e possono influenzare in modo approfondito il posizionamento di una pagina web.

Tra i principali fattori on-page ci sono: Tag-Title (che definisce il contenuto di una pagina web); il Tag H1 (che contiene la keyword per la quale ci si vuole posizionare), TAG H2 (da creare con keyword correlate o secondarie); TAG H3 per gli approfondimenti. Meta description: un fattore indiretto che permette però di aumentare il click degli utenti (CTR) sul proprio sito rispetto a quello concorrente.

Fattori On Site: questi sono valutati sulle basi delle prestazioni del sito. Ecco perché rintracciamo tra i più importanti: ottimizzazione per i dispositivi mobili, presenza del protocollo https (certificato di sicurezza); velocità del sito (secondo gli standard core web vitals di Google), linking interna (collegamenti all’interno del sito web), canonicizzazione, ottimizzazione del crawl budget, loop / catene di redirect inlinks ecc.

Tra i fattori SEO più importanti ci sono anche

una buona ricerca delle parole chiave; creazione di contenuti di qualità con testi esaurienti sia per gli utenti sia per il motore di ricerca; autorevolezza del sito (buona architettura, informazioni coerenti e aggiornate; architettura logica e lineare, citazioni e menzioni da fonti autorevoli). Un fattore determinante infatti, è dato anche dai backlink che puntano al sito, e che ne aumentano l’autorevolezza.

Infine, per far sì che ogni aspetto del posizionamento ottenga una risposta positiva da parte del motore di ricerca, non bisogna dimenticare l’interazione dell’utente. Maggiore sarà il tempo che l’utente passa sul sito, maggiore sarà l’interesse che dimostra per i contenuti, i prodotti ecc., più alta sarà la considerazione di Google. Quindi alla base di un buon posizionamento ci dev’essere sempre un progetto ben strutturato, seguito in modo professionale e attento alle esigenze e richieste degli utenti, nel rispetto delle guideline create e periodicamente aggiornate da Google.

About Nicola Saba

Mi chiamo Nicola e dopo il diploma magistrale ho intrapreso gli studi di Scienze della Comunicazione presso la Facoltà di Cagliari

Controlla anche

technology 3353701 1920

Generazione digitale: il 99% degli adolescenti sardi è sul web

Get Widget Indagine su giovani e uso della rete condotto da Eurispes Il 99,1% della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.