Janas
Lo spirito del Natale

Lo spirito del Natale: un Dio che si fa Bambino

Celebrare il Natale: un Dio che si fa Bambino, orizzonte nuovo nella storia, pianto e speranza si aggrovigliano sul letto della vita.

Vivere il Natale comporta un’immersione totale nell’umanità di Dio. Attraverso una riflessione attenta, responsabile e profonda sui brani che la Liturgia offre per questo tempo. Riscoprendo pienamente l’umanità del credente. Improvvisa, inattesa una luce irrompe nella notte… squarcia il buio e porta la Parola, Dei Verbum. Parola che rinnova, ossigena il respiro del viandante, abita l’interiorità del cuore che ama, tesse speranza in noi e intorno a noi.

Nel prologo del suo Vangelo, leit -motiv nel tempo natalizio, S. Giovanni dice che i credenti sono stati generati da Dio, non da sangue, né da volere di carne, né da uomo (cfr. Gv 1,13). Quest’affermazione consente di concludere che non è così scontata la consapevolezza degli uomini di essere nati. O meglio, se il corpo ha visto la luce, lo spirito sembra non essere stato partorito.

Quanti sono nati dallo spirito? Quanti hanno ricevuto la tenerezza materna che partorisce divinamente?

Senza amore come è possibile, in verità, nascere all’Amore?

Tale osservazione potrebbe essere scambiata per una visione dualistica e contrapposta dell’uomo, frutto dell’antropologia di stampo platonico. In realtà, tale prospettiva tenta di smascherare il riparo segreto dietro il quale si nascondono i visi di coloro che non percepiscono le risonanze profonde del proprio essere, non riuscendone a discernere la dimensione vera.

Quanti uomini vivono nella simulazione della propria coscienza e divengono quel che sono costretti ad essere sotto lo sguardo degli altri, consacrandosi – nel XXI secolo – al “conformismo di ritorno”?

In tale contesto, il personaggio fittizio creato riuscirà forse a sopravvivere o non crollerà alla fine allorché l’anima rigetterà questa maschera e inizierà a respirare un’aria rarefatta? Questo cambiamento, che in termini cristiani si dice “conversione”, avviene solo nella luce di un amore che vestirà di rispetto la parte più profonda e autentica dell’uomo… Una risonanza quasi del gesto del vescovo di Assisi che con il proprio mantello coprì la nudità di Francesco, quando questi restituì a suo padre i vestiti che non erano più della “sua taglia…

La Scrittura puntualmente riporta gesti e parole di umanità divina che riescono a far scattare un cambiamento radicale e aiutano gli uomini a gettare coraggiosamente la maschera, paravento di una vita dissonante.

Che cosa dovette essere l’emozione della donna adultera quando intese la voce che l’assolveva con questi termini d’ineffabile umiltà: “Nessuno ti ha condannata? Nemmeno io ti condanno!” (Gv 8,11). Un quadro semplice, scarno e facile da comprendere: una donna accerchiata dall’odio, contusa di vergogna, preda anzitutto del terrore del giudizio che l’ipocrisia dei suoi accusatori voleva imporre al Salvatore, invocando la lettera di una legge della quale non cessavano di violarne lo spirito e  Lui aveva abbassato gli occhi davanti a lei che, nello stesso istante aveva sentito passare sopra la sua anima un tale soffio di rispetto e d’amore a tal punto da non percepire più le grida che si alzavano contro di lei. Il suo cuore per la prima volta batteva liberamente, il suo animo si lanciava negli spazi infiniti che si aprivano misteriosamente davanti a lei.

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Nicola Saba

Nicola Saba
Mi chiamo Nicola e dopo il diploma magistrale ho intrapreso gli studi di Scienze della Comunicazione presso la Facoltà di Cagliari

Controlla anche

mara carfagna

Mario Draghi ha firmato il suo primo dpcm con nuove regole

Le nuove regole anti-contagio fino a Pasqua tra coprifuoco e didattica a distanza firmate dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *