Alexa Unica Radio
Macchiori Festival

Macchiori Festival: la creatività per la salute mentale

Lunedì 21 dicembre proseguono gli appuntamenti del festival Macchiori, dedicato alla salute mentale. Domani, lunedì 21 dicembre alle ore 9.30 Elisa Mazzoli racconta il suo NOI, illustrato da Sonia MariaLuce Possentini.

Il festival Macchiori è dedicato alle classi seconde/terze o terze/quarte della scuola primaria di Guasila: tutto in videoconferenza. Mentre, dalle ore 15, Cristina Petit parlerà ai bambini attraverso i suoi libri. Parteciperanno le classi prime e seconde della scuola primaria di Guasila.

Murales e video sono stati realizzati: la creatività dei giovani per la salute mentale. Notevole il lavoro che è stato svolto nelle strade del paese, e dietro le quinte della manifestazione, dai giovani e giovanissimi, che hanno così dato il loro contributo alla nobile causa che sta alla base del festival.

Paola Casula: nel muro una firma con la propria mano

“Questa manifestazione ha preso il via lo scorso anno – ha detto la sindaca di Guasila Paola Casula – coinvolgendo i giovani della comunità che hanno realizzato il murales Macchiori. Il murales porta la firma di Maddalena Torlini, Marco Melis, Daniele Ghiani, Paolo Masili, Cristian e Manuel Annis. Hanno lavorato per due intere notti, e hanno scelto la frase tra le diverse proposte. Chi ha partecipato ha lasciato la propria mano colorata nel muro, come fosse una firma. Il loro lavoro è nel manifesto e nella pagina del festival, e in un banner nella piazza davanti al Santuario del paese.”

Consuelo Palmas: i video del festival

“Il contributo dei più giovani non poteva mancare anche in questa edizione del 2020 – ha detto l’assessora all’Inclusione Sociale Consuelo Palmas -. Ed è così che i seleghesi Riccardo Pitzalis e Lorenzo Naitza, i guasilesi Gioele Cisci, Fabio Porcu, Rachele Tronci e Bruno Riffaldi di Dorgali, si sono uniti per realizzare dei video che potessero raccogliere messaggi forti di inclusione. Il coordinamento del lavoro è stato possibile grazie alla consigliera comunale Elena Sailis e il nostro direttore artistico Bruno Venturi, che stanno svolgendo un lavoro impeccabile. Un altro obiettivo del progetto è quello di creare contatti e potenziarli. Stanno infatti collaborando tante persone, una rete di contatti e socialità invisibile. Ma potente, e a loro va il nostro gigantesco ringraziamento“.

About Francesca Pinna

Amo il mare, la tradizione, il cibo: la mia terra, la Sardegna. Quindi da ciò potreste dedurre che amo osservare i bei tramonti, godermi la tranquillità che regna in questa regione, e mangiare. Ma a parte ciò, sono una persona che ama imparare, per migliorarmi ogni giorno sempre di più. Perché un bel giorno voglio girarmi, guardarmi dietro le spalle e poter dire: «Sì, hai raggiunto un bel traguardo e ne hai fatto di strada!»

Controlla anche

Festival delle arti e della cultura ambientale, 3 luglio a Ittireddu

Get Widget Ittireddu, Cava del monte Lisiri domenica 03 luglio Festival delle arti e della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.