Alexa Unica Radio
Ecco l’Adalatherium, definito la “bestia pazza” del cretaceo

Ecco l’Adalatherium, definito la “bestia pazza” del cretaceo

Si chiama Adalatherium, ed era un bizzarro mammifero che potrebbe rivelarsi un anello mancante nell’evoluzione dei mammiferi

L’Adalatherium è vissuto 66 milioni di anni fa. In malgascio e in greco il suo nome significa “bestia pazza”. Descriverlo è possibile in base alle analisi dei resti fossili di parti dello scheletro, di un esemplare vissuto nell’emisfero meridionale del globo. È da vent’anni che gli scienziati stanno cercando di capire di più su questo strano animale, più grande rispetto ai mammiferi dell’epoca, che erano rappresentati perlopiù da toporagni o topi, che presentava un numero di vertebre maggiore rispetto a tutti gli altri mammiferi.

Arti muscolosi e dentatura strana

Tra le altre caratteristiche fisiche inusuali dell’Adalatherium troviamo poi degli arti posteriori molto muscolosi, posti in una posizione strana, più tentacolare simile a quella degli arti posteriori degli odierni coccodrilli, e zampe anteriori altrettanto muscolose. La dentatura assomigliava a quella di un coniglio odierno tranne che per i denti posteriori, del tutto diversi da qualsiasi altro mammifero passato individuato o oggi esistente.

Secondo David Krause del Denver Museum of Nature & Science e da Simone Hoffmann del New York Institute of Technology, questo mammifero doveva avere le dimensioni di un opossum, con un peso o di poco superiore ai 3 kg, abbastanza corpulento considerando la media dei mammiferi di questo periodo. Viveva tra enormi dinosauri e altrettanto enormi coccodrilli durante la fine del cretaceo nella zona dell’odierno Madagascar, animali per i quali molto probabilmente rappresentava un’ambita preda.

Probabilmente era un potente scavatore, viste le zampe posteriori molto forti, ma la postura sembra essere un ibrido tra quella dei mammiferi odierni e quella di altri parenti più antichi. E questo senza contare la dentatura con i denti anteriori in continua crescita, proprio come quelli di coniglie o dei roditori, e quelli posteriori del tutto diversi da qualsiasi altro mammifero.

About Alessia Secchi

Nata a Cagliari, cresciuta in Veneto. Studentessa di lingue e culture per la mediazione linguistica all'Università di Cagliari e nel tempo libero, volontaria presso un'associazione per animali abbandonati. Appassionata di natura, cultura e musica.

Controlla anche

Degenerazione Muscolare

Nuovo meccanismo molecolare contro degenerazione muscolare

Get Widget La ricerca pubblicata potrebbe portare a un approccio farmacologico per alcune patologie come …