Alexa Unica Radio
Covid

Covid, Unimpresa: “Buco di 18 mld di euro nei conti pubblici”

Roma. 17 dicembre 2020. C’è un buco di quasi 18 miliardi di euro, causato dagli effetti economici del Covid, nei conti pubblici italiani, nei primi nove mesi di quest’anno.

Da gennaio a settembre, nelle casse dello Stato si sono registrate entrate per 324,9 miliardi di euro, in calo di 17,8 miliardi rispetto ai 342,9 miliardi dello stesso periodo del 2019. La riduzione è pari al 5,2%.
Questi sono i dati principali di un’analisi del Centro studi di Unimpresa. Per cui la diminuzione degli incassi è stata accompagnata da una fortissima impennata delle uscite per oltre 66 miliardi (+16%), salite da 395 miliardi del 2019 ai 461 miliardi nei primi tre trimestri del 2020.

Lo squilibrio con il Covid

«Lo squilibrio registrato nei conti pubblici, cagionato da una politica dissennata del governo, sarà scaricato soprattutto sulle generazioni future. Ma lo pagheremo nei prossimi anni, quando saranno tagliati i servizi pubblici oppure la spesa previdenziale. Interventi che saranno inevitabili perché, in assenza di misure importanti, l’economia non crescerà. E non sarà possibile portare in equilibrio le finanze statali. Il gettito tributario non sarà compensato da maggiori entrate legate alla crescita. E l’unica strada sarà intervenire sul fronte della spesa.»: commenta il vicepresidente di Unimpresa, Giuseppe Spadafora.

Secondo l’analisi del Centro studi di Unimpresa, che ha elaborato dati della Banca d’Italia, le entrate dello Stato sono calate, nei primi nove mesi del 2020, di 17,9 miliardi (-5,20%) rispetto al 2019. Quindi, da 342,7 miliardi a 324,9 miliardi. Le entrate tributarie sono passate da 305,3 miliardi a 288,1 miliardi: in discesa di oltre 17 miliardi. Mentre gli altri incassi sono scesi da 37,3 miliardi a 36,8 miliardi, con una riduzione di circa 500 milioni.

La riduzione

La riduzione complessiva del gettito è pari al 5,2%. Ed è legata alla forte contrazione del gettito tributario nei mesi di aprile (-14,3%), maggio (-29,6%) e giugno (-15,5%). Con riduzioni, rispettivamente, di 5,6 miliardi, 11 miliardi e 5,8 miliardi. Il dato è da legare agli effetti economici del Covid. In particolare, la diminuzione è legata sia alla contrazione delle attività economiche. Sia alle norme con le quali il governo ha sospeso o rinviato i termini di determinati adempimenti fiscali.

Con le stesse misure, sono stati stanziati interventi straordinari che hanno fatto esplodere le uscite dal bilancio dello stato. Anche se il dato complessivo dell’aumento, pari a 66,4 miliardi (+16,73%) non sembra giustificabile con i soli provvedimenti d’emergenza Covid, durante il lockdown. Nel dettaglio, il totale della spesa dello stato è passato da 395,4 miliardi dei primi nove mesi del 2019 a 461,5 miliardi del periodo gennaio-settembre 2020.

In termini assoluti, la spesa è cresciuta, in particolare, nei mesi di marzo (+21,7 miliardi), maggio (+13,4 miliardi) e giugno (+28,6 miliardi). Durante i nove mesi in esame, sono salite sia le spese correnti, passate da 374,7 miliardi a 423,3 miliardi, in crescita di 48,6 miliardi. E anche le uscite per investimenti, passate da 20,6 miliardi a 38,1 miliardi, in aumento di 17,5 miliardi.

About Francesca Pinna

Amo il mare, la tradizione, il cibo: la mia terra, la Sardegna. Quindi da ciò potreste dedurre che amo osservare i bei tramonti, godermi la tranquillità che regna in questa regione, e mangiare. Ma a parte ciò, sono una persona che ama imparare, per migliorarmi ogni giorno sempre di più. Perché un bel giorno voglio girarmi, guardarmi dietro le spalle e poter dire: «Sì, hai raggiunto un bel traguardo e ne hai fatto di strada!»

Controlla anche

Sileri: green pass per luoghi a rischio assembramento

“Se tampone è escamotage per contrari? Fare vaccino è più sicuro e semplice”. Il sottosegretario …